Regina Elisabetta, nuova inchiesta: “L’ha occultato ai sudditi”

0

L’inchiesta del The Guardian ha scoperchiato un vaso sulla Regina Elisabetta e quanto avrebbe occultato ai suoi sudditi

Regina Elisabetta
(@GettyImages)

La Regina Elisabetta è finita in prima pagina sul The Guardian grazie ai giornalisti David Pegg e Rob Evans che hanno aperto un’indagine. In particolare modo, i due avrebbero scoperto una serie di documenti di un ex avvocato di Elisabetta II, Matthew Farrer. Negli archivi nazionali, infatti, erano presenti delle evidenti pressioni sui ministri per modificare una proposta di legge sulla trasparenza delle partecipazioni societarie.

LEGGI ANCHE > > > Il grande giorno è arrivato: apoteosi a Buckingham Palace

Stando a quanto si legge sul giornale inglese, in seguito alle suddette pressioni, il governo inserì una clausola che esentava dalle nuove misure di trasparenza le società utilizzate dai capi di Stato. In particolare modo, l’accordo fu forzato per favorire la fondazione di una società che nascondesse beni e investimenti privati della regina almeno fino al 2011.

Regina Elisabetta, i beni occultati anche ai sudditi

Regina Elisabetta
(@GettyImages)

The Guardian ha scoperto quanto occultato dalla Regina nell’ambito di un’indagine sull’uso da parte della famiglia reale britannica di una procedura parlamentare nota come consenso della regina. Il ritrovamento dei possedimenti di Elisabetta II occultati anche ai sudditi, stando all’accordo degli anni ’70, sarebbe equivalente a centinaia di milioni di sterline. Dall’Inghilterra sono certi che è grazie a quella pratica che la Regina è riuscita ad ottenere una modifica legislativa, nonostante – secondo il sito web della Casa Reale – sia una “convenzione consolidata da tanto tempo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Ainett Stephens, doppio dramma: annuncio sconvolgente 

Dunque, la Royal Family non sta passando giornate floride: tra le indagini del The Guardian e i problemi interni con i duchi di Sussex, la Regina Elisabetta ha più fronti da mettere a posto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui