Nuovo Coronavirus, scoperta nei pangolini struttura simile al SARS-CoV-2

0

Nuovo Coronavirus | Un team di ricerca internazionale ha scoperto una nuova struttura, somigliante al SARS-Cov-2, nei pangolini, la quale potrebbe infettare le cellule umane

Nuovo coronavirus
Nuovo coronavirus

Un team di ricerca internazionale, guidato dagli scienziati britannici del Francis Crick Institute di Londra, ha identificato un nuovo coronavirus nei pangolini, il quale ha una struttura molto simile al SARS-Cov-2. L’agente patogeno, simile a quello emerso a Wuhan nel 2019, sarebbe in grado di infettare le cellule e dar vira ad una nuova zoonosi. Il virus scoperto ha un’alta affinità con la proteina Spike del patogeno pandemico.

I ricercatori, coordinati dal professor Gamblin, hanno messo a confronto la proteina Spike del coronavirus SARS-CoV-2 con quella di altri coronavirus trovati in altre specie. L’agente patogeno di cui vi stiamo parlando, è stato trovato in un pangolino del Borneo (Manis javanica) sequestrato dalle autorità durante una perquisizione.

LEGGI ANCHE—> Cos’è la sclerosi multipla, cause e sintomi

Nuovo coronavirus, tutto ha avuto inizio dai pangolini

Nuovo coronavirus
Nuovo coronavirus

I pangolini sono una specie in via d’estinzione per il contrabbando che ne si fa per la carne e le squame, utilizzate nella medicina tradizionale asiatica. L’idea è che questi abbiano, incolpevolmente, giocato un ruolo anche nello scoppio della pandemia. Alcune ipotesi parlando di un bracconiere o cliente dei mercati umidi entrato in contatto con il virus, dando inizio alla tragedia che stiamo vivendo.

LEGGI ANCHE—> Vaccino Pfizer, arrivano conferme: “È efficace contro varianti”

I dettagli della ricerca “Structure and binding properties of Pangolin-CoV spike glycoprotein inform the evolution of SARS-CoV-2” sono stati resi pubblici sulla rivista scientifica Nature Communications.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui