Atp Melbourne, vince Jannik Sinner: battuto in finale Travaglia

0

Si porta a casa l’Atp di Melbourne il 19enne italiano Jannik Sinner, che batte in finale il connazionale Travaglia dopo due set. 

Atp Melbourne Jannik SInner
Il giovane tennista conquista il suo secondo Atp in carriera (Getty Images)

A solamente 19 anni Jannik Sinner può vantare in bacheca già due tornei Atp, dopo l’ultima vittoria nel torneo di Melbourne nella finale tutta italiana contro Stefano Travaglia. Una vittoria che rispetta ogni pronostico della vigilia, con il talentuoso tennista che si porta a casa il derby contro il connazionale. Solamente lo scorso novembre, Sinner si era imposto a Sofia, in Bulgaria conquistando il primo torneo importante della sua carriera.

POTREBBE INTERESSARTI >>> È morto Santiago Garcia, calciatore del Godoy Cruz: le ultime

Il talento di Sinner, appena 19enne, gli ha permesso di imporsi su Travaglia dopo due set, vinti con il punteggio di 7-6 e 6-4. Adesso però Sinner dovrà subito voltare pagina, visto che lunedì tornerà in campo a Melbourne per disputare gli Australian Open. Il sorteggio ha riservato al tennista altoatesino la sfida contro un altro giovane talento del tennis mondiale, Denis Shapovalov, all’undicesimo posto del ranking.

Atp Melbourne, non solo Sinner: l’Italia perde la finale a squadre con la Russia

Atp Melbourne
Fabio Fognini durante la finale (Getty Images)

Ma la gioia di Sinner non è combaciata con la finale della squadra azzurra contro la Russia. Infatti durante la mattina italiana, la squadra italiana composta da Fabio Fognini e Matteo Berrettini ha perso la finale contro la più quotata compagine russa. I due tennisti italiani non godevano del favore del pronostico ed infatti alla fine la Russia ha conquistato la vittoria con facilità.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Moto Gp, incendio choc a Termas de Rio Hondo: circuito distrutto – VIDEO

La prima sfida vedeva Fabio Fognini affrontare Andrey Rublev. In poco più di un’ora di partita il russo è riuscito a sbarazzarsi di Fognini, vincendo due set con il punteggio di 6-1, 6-2. Mentre invece lo stesso copione si è ripetuto con Matteo Berrettini, che ha sfidato Daniil Medvedev. Il numero uno italiano ha reso il punteggio meno amaro grazie alla sua velocità nel servizio, che gli ha permesso di raccogliere almeno sei giochi. Infatti anche qui la sfida si è conclusa dopo due set (6-4; 6-2).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui