Covid, anche il Messico approva Sputnik V: il vaccino russo convince

0

Anche il Messico approva il vaccino contro il Covid Sputnik V. Il paese acquisterò dalle 7 alle 12 milioni di dosi del farmaco russo.

Covid Messico vaccino
Il vaccino russo convince anche il Messico (Getty Images)

Continua il successo del vaccino russo Sputnik V che sta convincendo il mondo intero, ottenendo l’approvazione anche del Messico. Infatti la Commissione Federale per la protezione contro i rischi sanitari (Cofepris) del paese ha deciso di dare l’ok per la commercializzazione del farmaco per uso d’emergenza. La notizia è arrivata attraverso i media locali, con il vaccino che diventerà il terzo attivo nel paese.

POTREBBE INTRERESSARTI >>> Usa, svolta Biden sugli immigrati: al via task force per riunire famiglie

Sull’approvazione del terzo farmaco immunizzante il Il sottosegretario alla Salute, Hugo López-Gatell, alla televisione locale ha dichiarato che il farmaco Sputnik V del laboratorio Gamaleya ha superato tutti i test e ben presto verrà importato all’interno del paese. Così il paese avrà a disposizione il terzo immunizzante, che permette così di allargare la campagna vaccinale.

Covid, arriva l’ok del messico per il vaccino Sputnik V: ben presto anche in Europa

Vaccino Covid Messico Sputnik
Vaccino Covid, finita la revisione dello Sputnik V arriva l’approvazione del Messico (Foto: Getty)

Il vaccino russo Sputnik V ha convinto tutto il Sud America, con gran parte dei paesi latinoamericano che ha chiesto dosi alla Russia. Adesso l’approvazione arriva anche per il Messico, con il governo che promette di importare dalle 7 alle 12 milioni di dosi nel paese. Di queste dosi ben 400mila arriveranno in Messico già a partire da questo mese, dando una grande mano alla campagna vaccinale. Il Ministro degli Esteri, Marcelo Ebrard, ha affermato che entro marzo riceverà oltre 21 milioni di dosi da Pfizer, AstraZeneca, CanSino e Sputnik V.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, la variante inglese sta mutando: l’allarme arriva da Londra

Ma Sputnik V sembrebbe convincere anche l’Europa. Infatti dopo lo scetticismo iniziale, l’Ema (Ente del Farmaco Europeo) è riuscita ad analizzare i dati forniti dall’Istituto Gamaleya. I risultati sono stati sorprendenti, con il vaccino che ha confermato i dati annunciati dall Russia. Stando alla rivista Lancet, il farmaco avrebbe un efficacia pari al 91,6%, risultando efficace quanto quelli di Pfizer e Moderna. Così ben presto l’Unione Europea potrebbe approvarlo, con Angela Merkel che ha già aperto all’acquisto del vaccino russo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui