Patrick Zaki, la legale conferma: “Altri 45 giorni di carcere”

0

Continua il calvario per Patrick Zaki. Lo studente resterà in custodia cautelare in carcere per altri 45 giorni

patrick Zaki
Patrick Zaki, confermati altri 45 giorni di detenzione (Twitter)

Patrick Zaki sarà costretto a rimanere in carcere per altri 45 giorni. La voce che circolava già da ieri è stata confermata poco fa all’Ansa da Hoda Nasrallah, una sua legale. È quindi questo l’esito dell’ultima udienza che si è svolta nella giornata di ieri.

Lo studente egiziano dell’Università di Bologna si trova in detenzione da ormai un anno – precisamente dal 7 febbraio 2020 – con l’accusa di propaganda sovversiva. Continuano le proteste in questo senso, con decine di gruppi nati per far giustizia sul caso Zaki. Secondo Amnesty International: “I diritti di Patrick valgono meno di zero, dovrà passare almeno un altro mese e mezzo a Tora senza motivo“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, superate le 100 milioni di dosi nel mondo: la classifica

Patrick Zaki, Amnesty International: “Conferma di quanto già si sapeva”

Patrick Zaki
Il commento di un portavoce di Amnesty International (Wikipedia)

Almeno altri 45 giorni di detenzione per Patrick Zaki, lo studente egiziano dell’Università di Bologna che si trova in custodia cautelare da ormai un anno con l’accusa di propaganda sovversiva. Poco fa, una sua legale ha confermato l’esito dell’ultima udienza – tenutasi nella giornata di ieri – ai microfoni dell’Ansa. A tal proposito, è intervenuto anche un portavoce di Amnesty International. “È arrivata la conferma di quanto già si sapeva da ieri, visto che un giudice aveva pensato di avvisare la stampa egiziana prima dell’avvocata di Zaki” le parole di Riccardo Noury.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Roma, sgominata associazione dedita al traffico di droga: 17 arresti

Adesso è arrivata l’ufficialità. Nel secondo anno di detenzione, però, entra anche la campagna id Amnesty International, dell’Università e del Comune di Bologna e di tanti altri enti locali e non per ottenere quello che vogliamo: la scarcerazione di Patrick” ha concluso il portavoce di Amnesty International ai microfoni dell’Ansa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui