Vaccino AstraZeneca, quanto è costato: i dati del contratto segreto

0

Il sito web Der Spiegel ha analizzato il contratto del vaccino AstraZeneca prima dell’oscuramento: spunta l’indiscrezione sul prezzo del farmaco.

Vaccino AstraZeneca
Spunta il costo del farmaco anglo-svedese (Getty Images)

Questa mattina è spuntato il contratto segreto tra l’Ue ed AstraZeneca per l’acquisto del vaccino contro il Covid-19. Per accedere al file bastava un semplice lettore Pdf, occasione che non si è fatta sfuggire il sito tedesco Der Spiegel che ha analizzato tutti i numeri. Così non è mancato il tempestivo intervento della Commissione Europea, che ha deciso di pubblicare una nuova versione del contratto. Dopo una attenta e veloce analisi, il sito Der Spiegel ha scoperto che per 300 milioni di dosi del vaccino, il costo è stato 870 milioni di euro.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Covid, Speranza: “Con Astrazeneca, ok a fase espansiva”

Il tutto è stato possibile proprio grazie ad AstraZeneca che diede l’ok per la pubblicazione del contratto. Ovviamente l’unica postilla chiesta dalla casa farmaceutica era l’oscuramento dei dati sensibili. In merito, un funzionario dell’Ue aveva spiegato che il 95% delle clausole oscurate sono state richieste dall’azienda. Ma grazie ad un errore tecnico ed alla funzione segnalibri di Acrobat Reader, Der Spiegel è riuscita ad analizzare tutti i dati. Andiamo quindi a vedere tutti i dati pubblicati dal sito specializzato tedesco.

Vaccino AstraZeneca, la rivelazione di Der Spiegel: 870 milioni di euro per 300 milioni di dosi

vaccino astrazeneca
Tutte le rivelazioni della rivista tedesca Der Spiegel (Getty Images)

Stando ai numeri analizzati dal settimanale, gli 870 milioni versati dall’Ue andranno a pesare sui costi di produzioni di AstraZeneca. Infatti in questo costo rientrano materiale al controllo qualità, tasse ai dazi doganali e le spese amministrative all’immagazzinamento. Inoltre la stessa casa farmaceutica non dovrà rimetterci economicamente con perdite durante lo sviluppo del vaccino. Infatti se l’aumento supererà il 20% dovrà essere documentato ed inviato all’Unione Europea.

PRIMO PIANO >>> Portogallo, voto storico: il Parlamento dice “sì” all’Eutanasia

La pubblicazione del contratto, infatti, permette alle due parti di chiarire il braccio di ferro scaturito negli ultimi giorni. Stando al contratto, AstraZeneca si impegna a fare sforzi ragionevoli per produrre le dosi iniziali da distribuire nell’Ue. Ma non solo, la casa anglo-svedese si impegna a rispettare le due scadenze per le consegne, dubito dopo l’autorizzazione ricevuta dall’Ema. Inoltre l‘Unione Europea ha il diritto a richiedere altre 100 milioni di dosi del vaccino. Stando alle indiscrezioni il 95% dei dati del contratto oscurati sono voluti proprio da AstraZeneca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui