Sanremo 2021, clamorosa decisione in arrivo: cancellazione o rinvio

0

Sanremo 2021 clamorosa decisione in arrivo nei prossimi giorni: cancellazione o rinvio in vista, l’ultima parola spetta al Cts

Sanremo 2021
(Facebook)

Altro che il caso di un cantante a rischi squalifica, che sta montando nelle ultime ore. Il problema di fondo è che tutto il Festival di Sanremo 2021 è a fortissimo rischio di cancellazione o rinvio e una decisione definitiva arriverà al massimo entro la fine di questa settimana.

La Rai e Amadeus, come direttore artistico e conduttore principe, stanno lavorando per salvarlo ma la parola finale tocca al Cts. E secondo le ultime indiscrezioni soffia vento di burrasca, perché nessuno vuole prendersi il rischio di allestire un carrozzone così imponente con tutto quello che potrebbe derivarne.

L’emergenza Coronavirus continua e difficilmente martedì 2 marzo, prima serata prevista per il Festival 2021, saremo in condizioni molto migliori di quelle attuali. Ma la Rai, i discografici, i cantanti e tutto il personale che dovrebbe essere impegnato per tutta la settimana in Riviera hanno necessità di risposte. Sono due le  ipotesi attualmente sul tavolo, entrambe praticabili ma in nessuno dei casi sarà rispettata la scadenza prevista in origine.

(Getty Images)

Secondo il ‘Corriere della Sera’ (posizione sposata anche dal ‘Fatto Quotidiano), il Cts starebbe per far calare la mannaia su Sanremo, senza nessun appello. Le criticità, nonostante la voglia della Rai e del Comune di Sanremo di modificare tutte le regole inizialmente previste, sono troppe per dare il via libera. Ecco perché al momento l’ipotesi della cancellazione nel 2021, posticipando tutto al febbraio del prossimo anno, è gettonatissima

La Rai ha previsto una bolla totale per i suoi dipendenti con tamponi ogni 72 ore, ingressi e uscite contingentate, autisti singoli per ogni cantante o gruppo in gara, pasti preconfezionati. Ma per il Cts il rischio del contagio non sparirebbe perché i contatti con persone positivi sono sempre possibili e la macchina del Festival è ampia anche senza il pubblico in sala.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE  >>> Sanremo 2021, colpo di scena Amadeus: arriva la decisione 

Sanremo 2021, cancellazione o rinvio: quanto potrebbe perdere la Rai se saltasse il Festival

Sullo sfondo c’è anche il problema legato alla sanità. Sanremo non sarebbe infatti in grado di reggere troppi casi di ricoveri legati al Covid e in quei giorni sarà quasi impossibile evitare assembramenti. Quindi per il ‘Corriere’ la probabilità della cancellazione al momento batte tutto.

Più possibilista invece ‘La Repubblica’. Il Festival di Sanremo 2021 ci sarà, ma sarà fatto slittare ad aprile o meglio ancora a maggio con una formula inedita. Invece di concentrare tutti in una sede unica, opzionare quattro o cinque grandi teatro italiani compreso l’Ariston nei quali fare esibire gli artisti in gara.

Ma rimane il discorso legato alla presenza del pubblico sala. Per il Cts la risposta è una sola: non entra nessuno, nemmeno quei figuranti che la Rai stava cercando di reclutare negli ultimi giorni. Nonostante le rimostranze di Amadeus, il Teatro Ariston non può essere considerato alla pari di un normale studio televisivo, quindi non valgono le stesse regole.

Far saltare Sanremo, per la Rai significa una perdita importante alla voce bilanci. Nel 2020 infatti ha incassato più di 37 milioni soltanto dai contratti pubblicitari e i numeri del pubblico sono stati importanti. Difficile non considerare anche le perdite economiche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui