Diritti tv Serie A: due offerte forti, ma un concorrente sparisce

0

Diritti tv Serie A: due offerte forti per il pacchetto dal 2021 al 2024, ma intanto è sparito uno degli acquirenti più attesi

Serie A
Diritti tv Serie A: in ballo i diritti per i prossimi 3 anni (Getty Images)

Il calcio italiano batte cassa alle televisioni, anche perché il 2020 con la pandemia ha dissanguato le casse di molti club. Sul piatto ci sono i diritti tv per la Serie A per le stagioni dalla 2021-2022 alla 2023-2024, ma soprattutto c’è la richiesta della Lega di Serie A. L’obiettivo dichiarato è quello di arrivare almeno a 1,15 miliardi di euro a stagione. quasi 200 più di oggi e ora sappiamo chi è rimasto in corsa.

A giugno scadrà l’esclusiva a due di Sky e Dazn che nelle ultime tre stagioni si sono divise le partite (7 contro 3 ogni giornata di campionato) modulando anche gli orari. Almeno sulla carta in pole position ci sono ancora loro, ma la partita è ancora apertissima. Non per Amazon però, che fino a pochi giorni fa sembrava poter entrare di prepotenza nella corsa e invece è già fuori.

L’ad della Lega, Luigi De Siervo, spiega che se l’aspettava: “Amazon aveva chiesto un pacchetto sul modello della Premier League inglese con solo tre giornate ma avrebbe stravolto la nostra strategia. Li avremmo accolti con la dovuta attenzione, ma solo se avessero aderito alla nostra modalità”. Amazon quindi punterà tutto sulla prossima Champions League.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter, cessione societaria ad un passo: le mosse della BC Partners

Diritti tv della Serie A, quali sono i pacchetti in ballo e quanto possono valere

Secondo le prime anticipazioni del ‘Sole 24 Ore’ in base alle proposte arrivate fino ad oggi ci sarebbe Dazn in vantaggio su Sky per diversi dei pacchetti previsti. Quindi l’attuale divisione potrebbe essere ribaltata a favore dal canale che ha colme volto principale Diletta Leotta. Ma Sky potrebbe giocare una carta a sorpresa: diventare partner per fare nascere il canale della Lega.

Diletta Leotta Dazn
Diletta Leotta, volto principale di Dazn (Facebook)

Ora scatta la seconda fase: il 5 febbraio arriveranno le offerte definitive che saranno chiuse nella cassaforte di un notaio e aperte tre giorni dopo. C’è un pacchetto più ampio, con tutte le 380 partite, per satellite e per digitale internet con valori da 500, 400 e 250 milioni.

Oppure un pacchetto misto, da 7 partite a settimana in esclusiva per satellite, digitale e internet, oppure uno con 3 su satellite, digitale e internet e uno da 3 gare su internet, del valore rispettivamente di 750, 250, e 150 milioni. In corsa oltre a Sky e Dazn sono rimasti anche Mediapro ed Eurosport. Tra un paio di settimane ne sapremo di più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui