AstraZeneca, responsabile Ema conferma: “Approvazione il 29 gennaio”

0

AstraZeneca, responsabile Ema conferma: “Approvazione il 29 gennaio”. Marco Cavaleri lo ha confermato a “Mattino Cinque”

AstraZeneca
AstraZeneca, responsabile Ema conferma: “Approvazione il 29 gennaio” (Foto: Getty)

La corsa contro il tempo per l’approvvigionamento dei vaccini anti Covid prosegue con diversi intoppi. Dopo le problematiche relative alla produzione e alla distribuzione dell’antidoto Pfizer, anche AstraZeneca è finita nell’occhio del ciclone in Europa. Prima ancora di essere introdotto sul mercato, già si parla di slittamenti e accordi non mantenuti. Favoritismi nei confronti di alcuni Paesi e poco chiarezza nel programma di consegne. Per fare chiarezza e donare un altro punto di vista sulla vicenda, questa mattina è intervenuto a “Mattino Cinque” su Mediaset, Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici dell’Ema (agenzia europea del farmaco).

“Venerdì 29 gennaio è la data più probabile per l’approvazione. Faremo tutti i passaggi previsti e speriamo di mantenere la scadenza prevista”, sottolinea Cavaleri.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, media israeliani: accordo segreto tra Pfizer e Netanyahu

LEGGI ANCHE >>> Vaccino AstraZeneca, l’ad Soriot si difende: “Nessun obbligo con Ue”

AstraZeneca, responsabile Ema conferma: “Ci aspettiamo una copertura per tutte le fasce d’età”

AstraZeneca Vaccino
AstraZeneca, responsabile Ema conferma: “Approvazione il 29 gennaio” (Foto: Getty)

Un altro dei punti che avevano fatto discutere riguardo il vaccino di AstraZeneca era la copertura nei confronti degli anziani. Alcuni dubbi erano emersi sulle fasce di popolazione più avanti nell’età, con dati non sempre concordi nelle varie fasi di sperimentazione.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino, AstraZeneca precisa: “Efficace anche sugli over 65”

Cavaleri ha voluto rassicurare tutti anche su questo aspetto: “I dati nei pazienti con età compresa tra i 55 e i 65 anni non sono così ampi. Abbiamo delle limitazioni nell’evidenza, ma stiamo cercando di capire se possiamo raggiungere un’autorizzazione che copra anche queste fasce d’età. I dati, seppur pochi, sono rassicuranti: non ci aspettiamo che ci sia una mancata protezione in nessuna parte della popolazione“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui