Vaccino Covid, la Svezia sospende i pagamenti a Pfizer: chiesti chiarimenti

0

Vaccino Covid, la Svezia sospende i pagamenti a Pfizer: chiesti chiarimenti alla casa farmaceutica americana sul numero di dosi per fiala

Vaccino Covid
Vaccino Covid, la Svezia sospende i pagamenti a Pfizer: chiesti chiarimenti (Foto: Getty)

La Svezia attraverso la propria agenzia sanitaria ha sospeso i pagamenti del vaccino Covid-19 a Pfizer, chiedendo spiegazioni sul ritardo delle consegne e sulla quantità di dosi disponibili in ciascuna fiala. A riportarlo è stato questa mattina il quotidiano svedese Dagens Nyheter.

Stoccolma sta cercando di chiarire il numero di somministrazioni ricavabili da ogni dose partendo dalle informazioni rilasciate dalla casa farmaceutica americana. Sostengono infatti che sarebbero sei per ogni flaconcino, contro le cinque concordate in un primo momento. Il paese scandinavo chiede chiarezza alla Commissione Europea e alla stessa Pfizer per arrivare ad una risposta unitaria. Il tutto ovviamente con riferimenti al prezzo di acquisto di ciascuna fiala che può variare in base alle dosi somministrabili.

Il capo degli epidemiologi svedesi, Anders Tegnell, ha dichiarato: “Abbiamo sospeso il pagamento della fatture a Pfizer in attesa di fare chiarezza sulla questione delle dosi”.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino, AstraZeneca precisa: “Efficace anche sugli over 65”

LEGGI ANCHE >>> Covid, la Svezia cambia strategia: approvate chiusure e restrizioni

Vaccino Covid, la Svezia sospende i pagamenti a Pfizer: ancora ritardi nelle consegne

Vaccino Covid
Vaccino Covid, la Svezia sospende i pagamenti a Pfizer: chiesti chiarimenti (Foto: Getty)

EU e Pfizer avevano inizialmente concordato che ciascuna fiala conteneva cinque dosi, ma in seguito si è scoperto che se ne potevano estrarre fino a sei. Questo solo attraverso l’utilizzo di una particolare siringa.

Questo è inaccettabile. Se un paese ha solo la capacità di estrarre cinque dosi, ha ricevuto meno dosi per lo stesso prezzo“, ha detto al giornale svedese il coordinatore per la campagna vaccinale in Svezia, Richard Bergstrom.

A tutto questo vanno aggiunte le problematiche relative al ritardo nelle consegne degli antidoti che non stanno rispettando la tabella di marcia inizialmente prevista. La Svezia fino a questo momento ha vaccinato poco più di 147mila persone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui