Crisi di governo, Conte si è dimesso: cosa succede ora

Crisi di governo, Conte si è dimesso: cosa succede ora. Il premier ha lasciato il Quirinale dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani al via alle consultazioni

Giuseppe Conte
Crisi di governo, Conte si è dimesso: cosa succede ora (Foto: Getty)

Come preannunciato ieri, questa mattina Giuseppe Conte ha rassegnato le sue dimissioni da presidente del Consiglio. Intorno alle 12 si è recato al Quirinale per un colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Quest’ultimo, come di consueto, ha richiesto al premier di rimanere in carica per ottemperare alle pratiche correnti in attesa di formare un nuovo governo. Proprio in questa prospettiva da domani partiranno le consultazioni al Colle da parte delle varie forze politiche dell’arco costituzionale. Come specificato dal Quirinale, gli incontri saranno online, in pieno rispetto delle norme anti Covid vigenti nel nostro Paese. Saranno in diretta tv streaming sul canale Youtube e sul sito www.quirinale.it.

LEGGI ANCHE >>> Coni, le Olimpiadi sono salve: il governo approva il decreto per l’autonomia

LEGGI ANCHE >>> Giarrusso (Gruppo Misto) a iNews24: “Rimuovere Conte è tra gli obiettivi di qualcuno”

Crisi di governo, Conte si è dimesso: da domani via alle consultazioni

Conte Mattarella
Crisi di governo, Conte si è dimesso: da domani via alle consultazioni (Foto: Getty)

Il premier Conte si è recato prima a Palazzo Giustiniani dove ha comunicato le sue dimissioni alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. Dopo circa mezzora di incontro, il Primo ministro ha quindi raggiunto la Camera dove ad attenderlo c’era il presidente Roberto Fico.

Ma quali sono i possibili scenari per il futuro politico italiano? I 5 Stelle spingono per la soluzione Conte ter, come ribadito in una note dei capigruppo di Camera e Senato, Crippa e Licheri. Il Pd vorrebbe la nascita di un esecutivo nuovo e ha convocato per domani alle 14 la direzione nazionale. Il Centro-Destra si riunirà in queste ore per definire una strategia comune. Presenti Matteo Salvini, Giorgia Meloni, Antonio Tajani e Silvio Berlusconi, in collegamento dalla Provenza.

LEGGI ANCHE >>> Recovery Plan, Prodi: “Italia non può andare ad elezioni, Europa non capirebbe”