Coni, le Olimpiadi sono salve: il governo approva il decreto per l’autonomia

0

Coni, le Olimpiadi sono salve: il governo approva il decreto per l’autonomia. L’intervento del premier Conte ha sbloccato la situazione proprio in extremis

Olimpiadi Tokyo 2021
Coni, le Olimpiadi sono salve: il governo approva il decreto per l’autonomia (Foto: Getty)

All’ultimo respiro le Olimpiadi sono salve. Il rischio di dover partecipare ai prossimi giochi di Tokyo 2021 senza la nostra bandiera e l’inno nazionale sembra finalmente scongiurato. Proprio in extremis il governo ha approvato il decreto legge per l’autonomia economica del Coni, venendo incontro alle richieste del CIO e del presidente Malagò. All’interno del Consiglio dei Ministri andato in scena questa mattina, prima delle dimissioni del Governo Conte, è arrivata l’attesa fumata bianca.

La soluzione adottata non prevede il contratto di servizio, rifiutato da Malagò e voluto invece da Sport e Salute. Si procederà con la pianta organica, sulla base di quanto previsto dal decreto 1 poi saltato sul tema dell’incompatibilità. Un piccolo ritorno al passato per salvare il futuro. Una scelta di compromesso che per una volta sembra fare contenti tutti.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, mossa a sorpresa di Ancelotti

LEGGI ANCHE >>> Recovery Plan, Prodi: “Italia non può andare ad elezioni, Europa non capirebbe”

Coni, le Olimpiadi sono salve: approvato il decreto per l’autonomia economica

Giovanni Malagò
Coni, le Olimpiadi sono salve: il governo approva il decreto per l’autonomia (Foto: Getty)

Sul buon esito delle trattative tra Coni e governo si è espresso il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

Il CDM ha approvato il Decreto contenente le norme che sanciscono l’autonomia del Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Ora l’ultima parola spetta al Parlamento in sede di conversione. Per la storia gloriosa dello sport italiano era improbabile che l’Italia venisse così duramente sanzionata già domani, ma la decisione di oggi fuga ogni dubbio e risolve l’annoso problema dell’indipendenza del Coni, aperto dopo la riforma del 2019”.
La prima telefonata effettuata dal presidente Malagò è stata per il capo del CIO, nonchè amico, Thomas Bach, immediatamente informato della fumata bianca.

A quanto si apprende dalla Gazzetta dello Sport il virgolettato sarebbe stato questo: “La legge è ok, l’autonomia è salva”. “Sono molto felice”, la replica di Bach.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui