Brescia, medico provoca la morte di due pazienti Covid: arrestato

0

Arrestato a Brescia un medico che ha provocato la morte a due pazienti positivi al Covid. Gli inquirenti indagano sulle cure utilizzate.

Brescia arrestato medico
L’episodio nel bresciano porta all’arresto del professionista (Getty Images)

Un medico a Brescia è ritenuto responsabile della morte di due pazienti affetti da Covid-19. Infatti durante le cure, il medico avrebbe somministrato dei farmaci ad effetto anestetico e bloccante neuromuscolare. Proprio questo è il capo di accusa dei carabinieri del locale Nucleo Antisofisticazioni e Sanità. Così i militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Brescia. Accolta la richiesta della Procura della Repubblica, pronta a punire il medico che prestava servizio al pronto soccorso di un ospedale pubblico.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Caos vaccino Pfizer, l’azienda rassicura l’Italia: “Presto a regime”

Stando alla ricostruzione, quanto accaduto risale allo scorso marzo, quando abbiamo assistito all’esplosione della pandemia in Italia. In questi mesi, così, i carabinieri del Nas di Brescia hanno raccolto informazioni, coordinando indagini sul decesso di alcuni pazienti. Infatti un picco di decessi nel pronto soccorso hanno portato all’indagine nei confronti del medico in questione. Infatti il professionista avrebbe somministrato i medicinali in questione consapevolmente.

Brescia, arrestato medico per il decesso di alcuni pazienti Covid: le indagini

Brescia arrestato medico
L’operazione nel bresciano dei Nas (Foto: Getty)

L’arresto dei Carabinieri del Nas è avvenuto in seguito ll’investigazione dei Nas sulle cartelle cliniche di alcuni pazienti morti a causa del Covid. Infatti in alcuni casi, i carabinieri hanno riscontrato un repentino e sorprendente calo delle condizioni di salute dei pazienti in questione. Così i militari hanno proceduto all’analisi tossicologiche di tre corpi, rilevando la presenza di un farmaco anestetico e miorilassante comunemente usato nelle procedure di intubazione e sedazione del malato.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid Messico, positivo il presidente López Obrador: le sue condizioni

L’abuso di questo farmaco porta inevitabilmente alla morte. Inoltre il farmaco utilizzato sarebbe stato nascosto dalle cartelle cliniche dei pazienti in questione, portando anche al reato di falso in atto pubblico. Tutti glia ccertamenti hanno portato al procedimento penale per la condotta criminosa del medico. Con le cure messe in atto dal professionista, i pazienti arrivavano a subire una letale depressione respiratoria. Proprio per questo motivo il Gip ha deciso di mettere l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti del medico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui