Copasir, Casalino sarà interrogato nei prossimi giorni: il motivo

0

Il Copasir ha convocato Rocco Casalino. Sarà interrogato su due episodi che hanno destato scandalo negli ultimi due mesi.

Getty Images

Rocco Casalino, a capo della comunicazione del Movimento 5 Stelle e del premier Conte, è stato convocato dal Copasir per essere interrogato. Alla base di questa decisione ci sono due episodi che nelle ultime settimane hanno destato parecchio scandalo. Il primo è avvenuto in Libia ed è stato svelato sul Foglio dal giornalista Claudio Cerasa. Questi ha infatti raccontato che il 17 Dicembre del 2020, mentre Casalino si intratteneva telefonicamente con alcuni giornalisti che gli chiedevano informazioni sulla missione italiana in Libia per liberare i 18 pescatori tenuti in ostaggio da Haftar, questi avrebbe a un certo punto inviato la geolocalizzazione del luogo in cui si trovava a Bengasi insieme a Conte e Di Maio. Un atto molto grave che l’ex concorrente del Grande Fratello ha prontamente smentito, anche se gli screenshot pubblicati da Cerasa sembrano comunque inchiodarlo.  

Leggi anche: Casalino positivo al Covid-19: preoccupazione a Palazzo Chigi

Copasir, Casalino ha sentito entrambi gli episodi che hanno portato alla sua convocazione

Getty Images

Il secondo motivo è legato invece a un episodio accaduto durante la crisi di governo iniziata da Italia Viva. Il 13 gennaio scorso infatti, dopo la conferenza stampa in cui Renzi aveva annunciato le dimissioni delle ministro Bonetti e Belanova dal governo, è accaduto un fatto molto controverso sui social del premier. Per qualche minuti infatti gli utenti hanno visto comparire una pagina che invitava ad iscriversi a un gruppo appena costituito che si proponeva di mandare a casa il leader di Italia Viva. Un episodio che ha mandato su tutte le furie Renzi, che aveva poi accusato apertamente il premier di fare un utilizzo propagandistico dei social. 

Leggi anche: Covid-19, Casalino in isolamento fiduciario: il compagno è positivo

Anche in questo caso è arrivata subito una smentita da parte dei diretti interessati che hanno invece sostenuto come il profilo del premier sia stato in quel giorno vittima di un hackeraggio. Spiegazioni che però, non sono evidentemente bastate al Copasir, che adesso ha convocato Casalino per andare a fondo su queste due vicende.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui