Vaccino Covid, previsti altri tagli da Pfizer: l’annuncio di Lopalco

0

Nuovi tagli previsti da Pfizer. Sul tema vaccino anti Covid, è intervenuto questa mattina l’assessore Pier Luigi Lopalco

Ha fatto parecchio discutere il recente taglio alle forniture inizialmente previste di vaccino anti Covid annunciato da Pfizer. L’Italia ha subito fortemente questa decisione, con dosi ridotte soprattutto in alcune regioni del territorio. Le brutte notizie non sono però finite qui: sembra infatti che l’azienda farmaceutica è pronta ad ulteriori riduzioni.

Ad annunciarlo l’assessore alla Salute della regione Puglia Pier Luigi Lopalco questa mattina, al margine della visita all’ospedale Bonomo di Andria. “Abbiamo cattive notizie. Proprio ieri sera ci è stato detto che questo taglio delle dosi avrà un seguito, probabilmente già nelle prossime settimane” ha spiegato Lopalco insieme al presidente Michele Emiliano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Vaccino Covid, finita la revisione dello Sputnik V: si attende via libera UE

Vaccino Covid, Bonaccini: “Riequilibrio delle dosi tra regioni”

vaccino covid
Si va verso un riequilibrio delle dosi a disposizione, stando a quanto emerso dalla riunione tra le regioni e i ministri Boccia e Speranza (Getty Images)

Sul tema vaccino anti Covid è intervenuto anche Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia Romagna e presidente della conferenza delle Regioni. “Dopo una lunga video call avvenuta ieri con i ministri Boccia e Speranza e col commissario straordinario Arcuri, abbiamo optato per riequilibrio delle dosi tra regioni” le sue parole, alle quali ha aggiunto:Col taglio alle forniture deciso da Pfizer, alcuni territori sono stati maggiormente colpiti rispetto ad altri. Parlo per esempio di Lombardia, del Friuli Venezia Giulia e della nostra Emilia Romagna“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, si studia un “vaccino jolly”: proteggerà da tutti i coronavirus

Previste quindi novità già a partire dalle prossime settimane in merito a questo tema. Qualora l’annuncio di Lopalco dovesse essere confermato, l’Italia avrà un numero ancor più ridotto di vaccini a disposizione, che richiederà perciò un intervento di riequilibrio importante.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui