Covid, la von der Leyen ribadisce: “Dobbiamo accelerare con i vaccini”

0

Covid, la von der Leyen ribadisce: “Dobbiamo accelerare con i vaccini”. La presidente della Commissione europea sottolinea l’importanza della corsa contro il tempo

Ursula von der Leyen
Covid, la von der Leyen ribadisce: “Dobbiamo accelerare con i vaccini” (Foto: Getty)

La campagna per la vaccinazione contro il Covid sta procedendo a velocità differenti sul territorio europeo. Alcuni Paesi, tra cui l’Italia e la Germania, stanno mantenendo una media in linea con i migliori standard intercontinentali, altri come Francia e Spagna, sono ancora indietro. Questo crea uno squilibrio che non possiamo permetterci per la sicurezza e l’efficacia del farmaco nella copertura dell’intera popolazione. Diversi esperti hanno infatti sottolineato in questo periodo come l’alto numero di contagi durante la campagna vaccinale potrebbe portare ad una mutazione del virus assolutamente da scongiurare. Per far questo bisogna aumentare le somministrazioni e accelerare nella corsa contro il tempo che vede impegnato il mondo intero in questo 2021. A ribadirlo è stata anche la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in un’intervento di questa mattina alla plenaria del Parlamento.

LEGGI ANCHE >>> Covid, si studia un “vaccino jolly”: proteggerà da tutti i coronavirus

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, finita la revisione dello Sputnik V: si attende via libera UE

Covid, la von der Leyen ribadisce: “Deve crescere la velocità delle vaccinazioni in Europa”

Vaccino Covid
Covid, la von der Leyen ribadisce: “Dobbiamo accelerare con i vaccini” (Foto: Getty)

Ursula von der Leyen ha ribadito come nell’attuare il piano per le vaccinazionidobbiamo essere più veloci perché il ritmo è troppo altalenante e vario in Europa”.

“Dobbiamo dare maggiore sostegno alle imprese per aumentare la produzione e dobbiamo contrastare, seguire e tracciare chiaramente la diffusione della nuova variante. E’ una corsa contro il tempo”, ha aggiunto. Proprio per questo l’EMA ((l’Agenzia europea del farmaco) sta vagliando la possibilità di aggiungere agli antidoti americani, Pfizer e Moderna, anche quello russo, lo Sputnik V. La revisione è già stata completata e a febbraio si procederà con la prima Rolling Review. Intanto c’è attesa per il 29 gennaio quando anche AstraZeneca dovrebbe ottenere il via libero definitivo per la distribuzione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui