Variante Covid brasiliana, l’allarme di Bassetti: “Sfugge alle difese”

0

Intervenuto ad Adnkronos, l’infettivologo Matteo Bassetti ha parlato della variante brasiliana del Covid

variante covid brasiliana
Variante Covid brasiliana, l’infettivologo Bassetti lancia l’allarme (Getty Images)

I numeri relativi al Covid continuano ad essere molto preoccupanti, in Italia come nel resto del mondo. Ad alimentare una curva epidemiologica già parecchio critica ci stanno pensando alcune varianti individuate, tra le quali spiccano quella britannica, sudafricana e brasiliana. Intervenuto ad Adnkronos Salute, l’infettivologo Matteo Bassetti ha parlato proprio di quest’ultima.

La variante E484K risulta essere una mutazione assai significativa. Stanno arrivando notizie di persone che si sono reinfettate in un lasso di tempo piuttosto breve. È come se riuscisse a sfuggire al sistema immunitario” le sue parole, alle quali ha aggiunto: “Questo tipo di mutazioni vanno studiate molto attentamente anche in Italia, in quanto il virus continua a circolare e bisogna farsi trovare pronti“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, svolta in Gran Bretagna: somministrazioni a over 70

Variante Covid brasiliana, Bassetti: “Occorrono i giusti strumenti”

Test Covid
“Occorre studiarla in maniera meticolosa” le sue parole (Foto: Getty)

Un allarme quello lanciato dall’infettivologo Matteo Bassetti – direttore della Clinica di Malattie Infettive del San Martino di Genova – ai microfoni di Adnkronos Salute: la nuova variante Covid brasiliana preoccupa, e va studiata meticolosamente. Questo perché il virus continua a circolare, e pare che l’E484K sia in grado di sfuggire al sistema immunitario di base.Per fare ciò, però, c’è bisogno dei giusti strumenti. Parlo di laboratori apprezzati e investimenti in generale sulla ricerca. Da qui ai prossimi mesi sicuramente rileveremo altre varianti del Coronavirus, bisogna farsi trovare prontile sue parole.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Vaccino Covid, svolta in Gran Bretagna: somministrazioni a over 70

L’infettivologo ha poi continuato: “Già sappiamo benissimo che anche il vaccino può essere modificato, così come viene già per quelli antinfluenzali. Per permettere di contrastare anche le variazioni, però, occorre prima conoscerle e studiarle“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui