WhatsApp, utenti raggirati: in molti dicono addio all’applicazione

0

Nuovo raggiro su WhatsApp, con gli utenti che sono pronti a dire addio all’applicazione. Andiamo a vedere cosa sta succedendo.

WhatsApp utenti
Utenti pronti ad abbandonare l’app di messaggistica (Screenshot)

Non è il momento più facile per WhatsApp che dopo esser stata presa di mira dagli utenti, per le nuove condizioni di servizio, adesso vede ulteriori addii dalla sua applicazione. Infatti negli ultimi giorni abbiamo visto il boom di download di Signal e Telegram, le due concorrenti più agguerrite dell’app leader nel settore. Infatti ad oggi l’applicazione del Gruppo Facebook è ancora in testa con oltre due miliardi di euro.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Youtube, pronta la svolta: inserita una nuova funzionalità nei video

Ma questo primato ben presto potrebbe prima affievolirsi e poi perso. Le ultime vicende, però, stanno stancando gli utenti pronti a virare su altre piattaforme. Per questo motivo WhatsApp ha rimandato l’obbligo ad accettare i nuovi termini di servizio. Adesso sul colosso del gruppo Facebook starebbe girando una nuova truffa, con gli utenti pronti a dire bassa. Andiamo quindi a vedere cosa sta succedendo ed i motivi dell’addio.

WhatsApp, utenti ancora raggirati: aumentano i download delle concorrenti

WhatsApp utenti
Cosa sta succedendo sull’applicazione di messagistica (Screenshot)

Stavolta però non sarebbero i nuovi termini di servizio a far infuriare gli utenti, infatti, una nuova truffa starebbe girando su WhatsApp. Diversi utenti sono stati raggirati dalla truffa del codice, che tra l’altro non è nemmeno nuova sull’applicazione. Infatti nonostante le policy dell’app di messaggistica sono sempre più i malintenzionati pronti a colpire. L’applicazione quindi resta incline a questa problematica difficile da risolvere.

POTREBBE INTERESSARTI >>> WhatsApp, stop all’aggiornamento: il colosso fa chiarezza

Nelle ultime settimane WhatsApp ha consigliato di limitare i danni, diffidando da messaggi provenienti ad contatti che non sono presenti nella nostra rubrica. Inoltre l’applicazione ha diffidato tutti gli utenti in fantomatici “concorsi a premi” vinti. Ma nonostante cià cresce sempre di più la popolarità di concorrenti come Telegram e Signal che stanno macinando milioni di download. Vedremo se nei prossimi mesi le due concorrenti riusciranno ad impensierire l’applicazione del gruppo Facebook.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui