Addio a Phil Spector: noto produttore musicale morto per Covid-19

0

Phil Spector è morto: addio allo storico produttore musicale. Secondo quanto si apprende, l’ex artista, attualmente in carcere per omicidio, è morto per complicazioni da Covid-19. 

Phil Spector (Getty Images)

Lutto nella musica mondiale: si è spento Phil Spector, uno dei più produttori più famosi in assoluto per quanto riguarda la storia della musica rock. L’emblema – come informa il portale Tmz citando fonti sicure – è morto per complicazioni legate al Covid-19. L’artista di New York muore all’età di 80 anni, mentre stava scontando una lunga condanna per l’omicidio di Lara Clarkson.

Leggi anche —-> Covid, in Cina 109 nuovi casi: la situazione nel mondo

Covid Inghilterra
 (Foto: Getty)

Phil Spector è morto: lutto nella musica 

L’assassinio risale al 2003, quando la modella fu ritrovata senza vita nella sua casa di Spector a Los Angeles. La causa del suo decesso fu un colpo di pistola perentorio sparatole in testa. I due si erano conosciuti appena la sera prima e gli indizi non lasciarono dubbi: fu il produttore a uccidere la donna. Spector, condannato, evitò l’ergastolo ma la pena fu di 19 anni per omicidio di secondo grado.

Potrebbe interessarti anche —-> Usa, sparatoria a Phoenix: ci sono feriti

Sarà ricordato per questo gesto assurdo ma anche per la sua splendida musica prima del delirio. Il suo primo successo è firmato quando era ancora un ragazzino al liceo: parliamo di ‘To Know Him is to Love Him’, brano che gli aprì un’ascesa mondiale quasi senza precedenti segnata da altri testi come ‘Be my baby’, ‘Unchained melody’, fino alla partecipazione a ‘Let it Be’ dei Beatles.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui