Vaccino Covid, il Codacons dichiara: “Abbiamo denunciato Pfizer”

0

Il Codacons denuncia Pfizer per inadempimento, a seguito della riduzione del 30% sulle dosi di vaccino anti Covid destinate all’Italia

Vaccino Covid codacons
Vaccino Covid, il Codacons ha deciso di denunciare Pfizer (via Getty Images)

Brutte notizie per l’Italia: l’azienda farmaceutica Pfizer/BioNTech ha deciso di apportare un taglia alla produzione del vaccino anti Covid molto importante, che in Italia comporterà una riduzione del 30% rispetto alle dosi inizialmente previste. Una scelta che non è andata giù a molti.

Tra questi c’è il Codacons, che ha deciso di far partire una denuncia penale contro Pfizer a 104 Procure della Repubblica di tutta Italia. “Chiediamo ufficialmente alle Procure d’Italia di aprire un’indagine relativa alle ultime decisioni prese da Pfizer di ridurre le consegne di vaccini” si legge in una nota: “Si tratta di inadempimento di pubbliche forniture, truffa, concorso in epidemia colposa e frode in commercio“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, in Norvegia morte 23 persone per: “Motivazioni legate al vaccino”

Vaccino Covid, Codacons: “Violato il contratto siglato”

vaccino covid
Le motivazioni che hanno portato a questa decisione (Getty Images)

Una decisione comunicata ufficialmente poco fa: il Codacons ha deciso di denunciare l’azienda farmaceutica Pfizer/BioNTech per inadempimento. Il tutto a seguito dell’ultima scelta presa dalla maggiore produttrice del vaccino anti Covid, che ha deciso di tagliarne la produzione con perdite del 30% per l’Italia. “Il comportamento dell’azienda vìola il contratto siglato con lo Stato Italiano, oltre che gli accordi commerciali già avviati. Il tutto attraverso una riduzione unilaterale e del tutto ingiustificata di forniture essenziali. Questo mette a rischio il nostro Paese e che configura dei reatisi legge:Tra questi, c’è inadempimento di forniture, truffa, concorso in epidemia colposa e frode in commercio“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid, Miozzo (Cts): “Misure necessarie ancora per qualche mese”

L’ente si è già rivolto a ben 104 Procure della Repubblica di tutta Italia. Sembra inoltre intenzionato a voler portare avanti questa sua mossa per arrivare ad una condanna o ad una soluzione alternativa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui