Covid-19, Ricciardi avvisa: “Serve nuovo lockdown da un mese” 

0

Covid-19, ritorna lo spettro di un nuovo lockdown di un mese in Italia. E’ quanto riferisce Walter Ricciardi, consigliere del ministro Roberto Speranza, intervenuto quest’oggi in diretta. 

confcommercio covid-19
 (Getty Images)

Nuovo lockdown da un mese in tutta Italia: è lo scenario choc che avanza Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza. L’esperto, intervenuto quest’oggi a Rai Radio 1 nel programma ‘Un giorno da pecora’, si è pronunciato con una certa fermezza a proposito degli interventi necessari per frenare la curva epidemiologica e una terza ondata che rischia di incombere sempre di più.

Covid-19
 (Foto: Getty)

Covid-19, Ricciardi chiede un lockdown di un mese

A richiesta precisa sull’esigenza di una nuova chiusura totale, il docente ha risposto senza esitazioni: “Considerando che c’è già in quasi tutti i Paesi europei, ci vorrebbe qualcosa di simile anche in Italia per tre o quattro settimane. Le misure della zona rossa potrebbero andare, ma senza applicare deroghe. Comprendo tutte le esigenze relativo alla socialità e quant’altro, ma permettendo che alcune persone possano andare a casa di altri permetti comunque una deroga pericolosa alle attività essenziali”.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, bollettino 15 gennaio: 16.146 contagi e 477 morti

A suo avviso, dunque, sarebbe necessario un intervento fermo e deciso per migliorare la situazione: “Il mio consiglio è optare per una stretta per un mese, il che bloccherebbe efficacemente la circolazione del virus e permetterebbe di avviare la campagna vaccinale nella maniera più serena possibile”.

Leggi anche —-> Nuovo Dpcm, il premier Conte lo ha appena firmato: tutte le restrizioni

L’alternativa, altrimenti, è andare avanti con queste continue ondate con picchi inquietanti e una media contagi medio-alta: “Se non si opta per il lockdown di un mese, proseguiremo con queste ondate anche dannose per la vaccinazione. Altrimenti, quando dovremo vaccinare 200mila persone al giorno a marzo, come faremo in caso di terza ondata in corso?”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui