Lazio, la gaffe di mercato fa il giro del web: arriva la spiegazione

0

Lazio, la gaffe di mercato  sull’acquisto di un giovane talento è arrivata dall’altra parte della Manica. Il club spiega così

Pedro Neto (Getty Images)

Chi di gaffe perisce, di gaffe colpisce e negli ultimi tempi la Lazio sembra essere sempre in prima linea. Prima di Natale gli auguri sbagliati della Lega Calcio che aveva dimenticati solo Immobile tra i protagonisti della Serie A. Oggi invece spunta una vicenda di mercato che sa di pasticcio, anche se poi rimediato.

Al centro ci sono Pedro Neto e Bruno Jordao, i due giovani portoghesi che nell’estate del 2017 sono arrivati a Roma salvo ripartire due anni dopo in direzione Wolverhampton. Fin qui nulla di strano, se non fosse che Neto era arrivato dallo Sporting Braga per un prezzo pari a 11 milioni di euro tra prestito ed eventuale riscatto.

Bruno Jordao (Getty Images)

Sul suo acquisto il quotidiano inglese ‘The Guardian’ ha svelato un retroscena clamoroso. Dalle casse della Lazio quei soldi sono effettivamente partiti, ma in direzione sbagliata. Non allo Sporting Braga ma allo Sporting Lisbona. Un po’ come confondere il Borussia Dortmund con il Borussia Moenchengladbach. Il Braga aspetta ancora di essere pagato, secondo il Guiardian, lo Sporting Lisbona invece non ha mai messo a bilancio quei soldi che non gli appartenevano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Anna Falchi, promessa bollente per il derby: “Lo faccio se vince la Lazio”

Lazio, il club giustifica così il pasticcio di mercato: c’è una spiegazione per tutto

Neto è ancora ai Wolves, e sta giocando con continuità, spesso anche bene. Jordao ha già cambiato maglia e cerca fortuna. Ma intanto la gaffe sta facendo il giro del web. Il quotidiano per correttezza ha contattato il club presieduto da Claudio Lotito ed è arrivata la risposta.

A spiegare la vicenda è stato il segretario generale del club, Armando Calveri, che ha indirizzato una lettera al Guardian. Effettivamente i due giocatori arrivavano dallo Sporting Braga e non dallo Sporting Club de Portugal, cioé lo Sporting Lisbona. “Sfortunatamente, è stato un errore del nostro dipartimento finanziario, ingannato dai nomi simili dei club. L’SC de Portugal non ha mai registrato i giocatori, sistemeremo la situazione relativa ai due club”.

Claudio Lotito (Getty Images)

La Lazio però contesta la ricostruzione del passaggio di denaro, per Pedro Neto: la cifra era quella corretta. “L’indagine è fuorviata dal diverso approccio fiscale adottato dai due club, probabilmente. Tutti gli importi relativi al trasferimento vengono dichiarati nel Fifa TMS che tutela la trasparenza nelle transazioni finanziarie tra i club”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui