Covid, Boris Johnson: “Terapie intensive a serio rischio saturazione”

Il premier Boris Johnson avverte: gli ospedali in Gran Bretagna a rischio saturazione. Cresce la paura per il Covid

brexit von der leyen
Il premier britannico Boris Johnson ha lanciato l’allarme sulla situazione nelle terapie intensive (Getty Images)

La situazione relativa al Covid continua ad essere parecchio preoccupante anche in Gran Bretagna, dove i numeri continuano a salire di giorno in giorno. La variante inglese ha portato ad un nuovo boom di contagi, che obbliga il governo nazionale ad apportare nuove restrizioni per non far sfuggire di mano la situazione.

A tal proposito, è intervenuto il premier Boris Johnson in un’audizione parlamentare in commissione. Si è concentrato principalmente sulla situazione negli ospedali e in particolare nelle terapie intensive, con i posti letti che scarseggiano e sono a rischio saturazione. Ecco tutte le parole rilasciate dal cittadino numero uno del Regno Unito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, in Cina torna la paura: salgono i contagi e aumentano le restrizioni

Covid, Boris Johnson: “Rischio saturazione letti”

covid boris johnson
Le parole del premier britannico Boris Johnson sul Covid (Getty Images)

Una situazione sempre più a rischio quella legata al Covid in Gran Bretagna. Il premier Boris Johnson è intervenuto in un’audizione parlamentare in commissione, soffermandosi proprio su questo punto. “C’è un rischio sostanziale di saturazione dei posti letto, non sono ancora in grado di dire quando questo potrà diventare realtà. È importante mantenere massima l’allerta, cercando di far calare la curva epidemiologica per tornare ad una situazione normalele sue parole.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Israele, il premier Netanyahu a processo l’8 febbraio

“C’è stata un’accelerazione sul piano vaccini molto importante nell’ultima fase, bisogna continuare così. Preoccupa molto anche la nuova variante individuata in Brasile, dopo quella sudafricana: dobbiamo mantenere massima l’allerta, siamo ancora in pericoloha poi concluso.