Covid-19, il vaccino è efficace anche sulle varianti

0

Ulteriori studi sul vaccino Pfizer-BioNtech e la loro efficacia sulle varianti Covid-19 portano buone notizie: sembra funzionare

vaccino variante Covid
(@GettyImages)

Albert Bourla rassicura tutti: “Secondo i primi studi c’è un’elevata efficacia del vaccino Pfizer/Biontech contro la variante britannica e sudafricana”. Stando a quanto dichiarato dall’amministratore delegato e presidente della Pfizer, dunque, non c’è alcunché di cui preoccuparsi. Nonostante le due varianti scoperte, dopo attenta analisi, siano state riconosciute come più contagiose – motivo dell’innalzamento di indice Rt – il vaccino potrà tranquillamente porre fine anche a quest’ultime.

LEGGI ANCHE > > > Covid-19, Papa Francesco si è vaccinato. Pronto anche Ratzinger

Bourla, amministratore delegato della Pfizer, ha fatto chiarezza sull’effettiva immunità di una persona vaccinata per rispondere ai tanti dubbi insorti dopo l’arrivo del vaccino. “Sulla durata del vaccino sappiamo che per ora le persone vaccinate da 6-7 mesi mantengono alto livello di protezione. Inoltre, stiamo studiando se, oltre a proteggere, il vaccino impedisca anche la trasmissione del virus da un individuo all’altro. Sugli animali c’è una significativa protezione, ma non abbiamo abbastanza dati sugli umani”.

Covid-19, vaccino funziona su varianti: le preoccupazioni

vaccino variantI Covid
(@GettyImages)

Ad inizio dicembre – ma circolava già da tempo – su tutti i tabloid è impazzata la notizia della ‘variante inglese’. Immediatamente quest’ultima ha causato forte preoccupazione in tutta Europa tanto che, in Italia, il Governo ha chiesto la chiusura dei voli da/per il Regno Unito ed ordinato lo screening a tutti coloro fossero stati in Inghilterra nelle due settimane precedenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Covid, Boris Johnson: “Terapie intensive a serio rischio saturazione”

Sottoposto ad attente analisi, la variante inglese è stata rilevata ‘preoccupante’ solo per l’elevato tasso di contagio: unica cosa che lo distingue dal ceppo originale di Covid-19. Subito dopo è arrivata la variante sudafricana che ha destato altrettanta preoccupazione, per l’alta carica virale, su cui sono stati fatti alcuni studi che hanno tranquillizzato la popolazione mondiale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui