Genoa, distrutta la Ferrari di Marchetti: voleva solo farla lavare

0

Genoa, distrutta la Ferrari di Marchetti: voleva solo farla lavare. Il portiere rossoblù si stava allenando mentre è avvenuto l’incidente

Marchetti
Genoa, distrutta la Ferrari di Marchetti (Foto: Getty)

Sembra la storia di un B movie degli anni ’80 e invece è tutto vero. Il “povero” Federico Marchetti, portiere del Genoa, si è ritrovato la propria Ferrari distrutta in un incidente. Il bello, o sarebbe meglio dire il brutto, è che lui ne era totalmente inconsapevole, visto che in quel momento si stava allenando a Pegli con i compagni del Grifone. L’ex estremo difensore della Lazio e del Cagliari aveva deciso di approfittare di una giornata di sole per dare una lucidata al bolide. Proprio per questo ha deciso di chiamare l’autolavaggio di fiducia, dove solitamente porta la sua 812 Superfast.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juve, affare chiuso: il giocatore è a Torino

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tegola Juve, infortunio Dybala: i tempi di recupero dell’argentino

Genoa, distrutta la Ferrari di Marchetti: lo schianto dopo averla lavata

Ferrari Marchetti
Genoa, distrutta la Ferrari di Marchetti (Foto: Getty)

Gli accordi prevedevano che dopo aver completato la pulizia della Ferrari 812 Superfast, l’addetto dell’autolavaggio avrebbe dovuto riportare il bolide al portiere rossoblù.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lutto in casa Roma: muore un grande ex, il cordoglio del club

Il problema è che proprio nel tragitto di ritorno, l’uomo si è fatto prendere la mano alla guida, non gestendo bene la potenza del gioiello di Maranello (800CV, da 0 a 100 in soli 3 secondi e un valore stimato di circa 300.000 euro). Il risultato è stato un clamoroso schianto contro delle auto parcheggiate e la completa distruzione della parte anteriore. I danni saranno nell’ordine delle migliaia di euro, ma quello che più conta (non per Marchetti) è che non ci sono state conseguenze per l’automobilista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui