Bari, inchiesta dell’antimafia su grossisti e operatori del mercato ittico

0

Bari, la direzione distrettuale antimafia ha emesso un’ordinanza relativa all’esistenza di un gruppo criminale che controlla il settore ittico della zona.  

Getty Images

L’accusa è quella di aver monopolizzato per anni il mercato ittico del pesce, utilizzando per raggiungere i loro fini minacce indirizzate a ristoratori e grossisti del luogo, danneggiando economicamente i piccoli operatori del luogo. Questo è quanto emerge da un’indagine condotta dalla Direzione Distrettuale antimafia di Bari. L’inchiesta ha avuto inizio nel 2019 grazie a una segnalazione anonima e ha portato il Pm Ettore Cardinali a scoprire un sistema, secondo l’accusa di stampo mafioso, che controllava il mercato con metodi estorsivi e criminogeni. Va però precisato che una parte delle accuse sono però state già archiviate. Le indagini non hanno riguardato soltanto Bari, ma anche le provincie di Foggia e Bat e altre amministrazioni comunali del territorio. In particolare, i magistrati hanno individuato nel mercato ittico del comune di Margherita di Savoia, uno dei punti di snodo fondamentali del traffico criminale sul quale si sta indagando. 

Leggi anche: Bolzano, coppia scomparsa nel nulla: tutte le ipotesi

Bari, ipotesi organizzazione mafiosa finalizzata all’evasione fiscale

Getty Images

Attualmente, nel mirino della procura sono finiti sei grossisti del settore e ventisei imprese del luogo che operano nella pesca e nell’acquacoltura. Nell’ordinanza, i militari scrivono che la maggior parte di queste imprese “hanno presentato dichiarazioni dei redditi solo per alcune annualità (spesso relative ad annualità remote), altre ancora hanno dichiarato solo i redditi percepiti come persona fisica da altre ditte, mentre talaltre pur risultando ancora attive non hanno mai presentato alcuna dichiarazione”.  

Leggi anche: Pomigliano d’Arco, busta con un proiettile al sindaco: le reazioni

Gli stessi militari precisano però che al momento non ci sono in realtà abbastanza elementi per asserire con certezza che ci si trovi di fronte a un’organizzazione criminale di stampo mafioso. Per il momento infatti, scrivono nel documento, ci si può limitare a constatare che si trova di fronte a un sistema illecito caratterizzato dall’evasione fiscale, come testimonia l’assenza di dichiarazione dei redditi da parte di molti degli indagati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui