Covid, la Svezia cambia strategia: approvate chiusure e restrizioni

0

Covid, la Svezia cambia strategia: approvate chiusure e restrizioni. Dopo la libertà lasciata nella prima ondata dello scorso anno ora si va verso un lockdown

Svezia lockdown
Covid, la Svezia cambia strategia: approvate chiusure e restrizioni (Foto: Getty)

La strategia svedese contro il coronavirus si è sempre distinta da quelle del resto del mondo. Un approccio largo e permissivo, basato sul buon senso dei cittadini e sulla mancanza di restrizioni, puntando verso l’immunità di gregge. Ora però, con la seconda ondata che ha assunto contorni sempre più preoccupanti, anche a Stoccolma corrono ai ripari.

Questa settimana il governo ha proposto una legge d’emergenza che gli consentirebbe di bloccare gran parte delle attività. In più l’uso delle mascherine facciali è diventato obbligatorio in locali chiusi e consigliato all’aperto. Le autorità hanno preso in considerazione l’idea di chiudere tutte le scuole in presenza per gli alunni superiori ai 13 anni.

Se da un punto di vista di facciata la Svezia continua a ritenere il suo approccio morbido la strada migliore contro il Covid, a livello pratico le decisioni politiche adottate dicono ben altro. I responsabili della sanità pubblica si stanno rendendo conto del duro impatto del coronavirus sugli ospedali e sulla salute dei cittadini. Ad oggi il paese scandinavo ha fatto registrare più di 2.000 morti in un mese e 535 solamente negli ultimi otto giorni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, caos in Brasile: a Manaus sepolture aumentate dell’80%

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa, annunciate dimissioni capo della polizia del Congresso

Covid, la Svezia cambia strategia: pronti ad adottare un parziale lockdown

Svezia Covid (Getty)
Covid, la Svezia cambia strategia: approvate chiusure e restrizioni (Foto: Getty)

La dichiarazione del re Carlo XVI Gustavo di Svezia poco prima di Natale ha fatto il giro del mondo: “Abbiamo fallito“. Un’ammissione di responsabilità nelle decisioni errate prese nel corso degli ultimi mesi. Una lotta al Covid ancora molto lunga e che costringerà probabilmente anche gli scandinavi ad adottare un parziale lockdown.

Il governo di centrosinistra di Stoccolma ha emesso all’inizio di questa settimana una legge di emergenza che dovrebbe entrare in vigore domenica. Sono previste misure di emergenza per contenere il tasso di contagi, come la chiusura di negozi, palestre e trasporti pubblici. Le restrizioni verranno adottate se ritenuto necessario nelle prossime settimane, al fine di interrompere un’escalation che sta andando fuori controllo.

Anche sull’uso delle mascherine, a lungo le autorità sanitarie svedesi hanno negato la reale utilità nel limitare le infezioni. La maggiore attenzione era sempre stata rivolta al distanziamento sociale e all’igiene delle mani. Ora invece anche qui viene fatto un passo indietro e i dispositivi di protezione individuale diventeranno altamente consigliati anche all’aperto.

Da ieri, poi, sono diventate obbligatorie all’interno dei mezzi pubblici e nei locali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui