Attenzione a bere l’acqua del rubinetto: in certi casi può farci molto male

0

Attenzione a bere l’acqua del rubinetto: in certi casi può farci molto male. Non sempre è una buona cosa utilizzare l’acqua della cucina per dissetarci

Acqua del rubinetto
Attenzione a bere l’acqua del rubinetto: in certi casi può farci molto male (Foto: Pixabay)

In molte città italiane, Roma su tutte, l’acqua del rubinetto è sempre stata utilizzata come normale bevanda quotidiana. In passato poche famiglie prendevano le cassette al supermercato, potendo usufruire gratuitamente della rete idrica pubblica. Un acqua ricca di calcio che si diceva facesse bene alle ossa e alla salute. Poi con il passare degli anni le cose sono leggermente cambiate e oggi senza un depuratore è sconsigliato anche utilizzarla per cucinare.

Bere le giuste quantità d’acqua è fondamentale per tutti noi, ma occorre saper scegliere quale ingerire.

Tutti i medici consigliano di assumerne almeno due litri al giorno, senza contare le altre bevande che normalmente consumiamo. Di questa dose, almeno mezzo litro andrebbe bevuta a digiuno, per purificare il nostro organismo. Stimolare la diuresi e “pulire” il sangue, sono aspetti fondamentali per la nostra salute.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Come risparmiare 2.000 euro l’anno stando a casa

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> 2 errori da non commettere per perdere peso: fate attenzione

Attenzione a bere l’acqua del rubinetto: in questi casi può essere dannosa per la salute

Acqua
Attenzione a bere l’acqua del rubinetto: in certi casi può farci molto male (Foto: Pixabay)

Nonostante l’acqua del rubinetto sia estremamente controllata nel nostro Paese (cosa che spesso non avviene da altre parti), in alcuni casi può non essere una buona idea berne in grande quantità. Vediamo perchè.

Chi ad esempio soffre di problemi al fegato o ai reni, dovrebbe evitare di assumere un’acqua piena di calcio, difficile da espellere o causa della formazioni dei fastidiosissimi calcoli. Stesso discorso per chi soffre di stitichezza intestinale. In quel caso andrebbero scelte acque ricche di sali minerali, magari di estrazione termale, come diverse in commercio.

In più non va sottovalutato tra i pericoli del consumo di quella del rubinetto, l’inquinamento crescente nelle nostre città. I depuratori pubblici non sempre riescono a togliere tutte le impurità e questo dovrebbe farci pensare più di una volta a quello che stiamo ingerendo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui