Vaccino Covid, in Lombardia arrivate 46mila siringhe inadatte

0

Vaccino Covid, in Lombardia arrivate 46mila siringhe inadatte. Erano state consegnate con le prime forniture del farmaco lo scorso 30 dicembre

Siringhe Covid
Vaccino Covid, in Lombardia arrivate 46mila siringhe inadatte (Foto: Getty)

Nell’ultimo periodo si è parlato molto della necessità di avere tutte le componenti giuste per la vaccinazione contro il Covid nei tempi ristretti che vengono richiesti. Ogni giorno risparmiato è un passo in avanti verso il ritorno alla normalità e in questa corsa contro il tempo la macchina logistica deve essere impeccabile. Come sottolineato da diversi virologi, tra cui Ilaria Capua, siamo di fronte alla più grande campagna vaccinale della storia dell’umanità. Una sfida da vincere ad ogni costo, evitando però degli errori banali. Uno di questi è stato commesso in Lombardia dove con la prima fornitura del farmaco Pfizer sono state consegnate ben 46mila siringhe inadeguate. Si tratta di formati da 5 ml (11.060) e di circa 35mila da 3 ml per la diluizione, ma senza le adeguate tacche tarate sulle giuste quantità e non idonee alla somministrare del vaccino anti-Covid. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, ancora emergenza in Germania: oltre mille morti in 24 ore

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, Galli: “C’è un caso raro da conoscere. Effetti collaterali minimi”

Vaccino Covid: la situazione nel resto del mondo

Vaccino Covid
Vaccino Covid, in Lombardia arrivate 46mila siringhe inadatte (Foto: Getty)

Purtroppo tra qualche ritardo nelle consegne delle dosi e alcuni errori nei materiali necessari per la vaccinazione (vedi le siringhe), la copertura della popolazione procede a rilento. L’Italia però non è l’unica a dover affrontare queste difficoltà, anzi. Molti altri Paesi si trovano in condizioni analoghe se non peggiori. Tra tutte possiamo citare la Francia (Macron è già stato molto duro nelle ultime dichiarazioni pubbliche) e la Spagna.

Per controllare lo stato di avanzamento della campagna vaccinale in giro per il mondo, si può consultare il sito Our World in Data, prodotto dall’Università di Oxford. Il portale viene aggiornato in tempo reale, con tutti i numeri delle dosi somministrate in percentuale sulla popolazione dei vari Stati. In testa per ora c’è sempre Israele, mentre in Europa solo la Germania ha fatto più di noi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui