Caso Genovese, in Procura arrivano altre due denunce per violenza

0

Caso Genovese, sale a sei il numero delle vittime che affermano di aver subito violenza dall’imprenditore. 

Twitter

È stato uno dei casi di cronaca più discussi dell’anno appena trascorso, ma i guai per Alberto Genovese non sembrano essere finiti. L’uomo si trova agli arresti con accuse pesantissime. Avrebbe seviziato e violentato una ragazza di 18 anni per oltre 20 euro, stordendola con la cosiddetta droga dello stupro. Un episodio che è stato oltretutto ripreso dalle telecamere della lussuosa abitazione in cui l’imprenditore teneva delle feste molto conosciute a Milano. In seguito, era arrivata una nuova denuncia da parte di una 24enne che ha raccontato di essere stata violentato da genovese e la sua fidanzata durante un party organizzato a Ibiza. 

Leggi anche: Caso Genovese, la vittima 18enne: “Sono distrutta e sotto choc”

Caso Genovese, dopo Ibiza arrivano due nuove denunce contro l’uomo

Twitter

Alle forze dell’ordine la ragazza ha raccontato che “da quando sono entrata in camera e ho tirato una striscia di stupefacente di colore rosa che io pensavo fosse 2CB, non ricordo più nulla (…) L’unica cosa che ricordo è una sorta di stato allucinogeno“. Dichiarazioni che avevano convinto la procura a iscrivere anche la compagna di Genovese nel registro degli indagati. E adesso, viene riportato che altre due ragazze, che sarebbero già state ascoltate dai magistrati, avrebbero denunciato di aver subito delle violenze dall’uomo. Bisognerà adesso attendere i nuovi sviluppi di queste vicenda. 

Leggi anche: Fondatore di Facile.it resta in carcere: è accusato di stupro

Per il momento la magistratura sta anche indagando sul giro di droga presente alle feste, e proprio per questo motivo, con l’accusa di spaccio, tra gli indagati è finito anche l’amico di genovese Daniele Leali, diventano un volto noto in televisioni per essere intervenuto più volte in varie trasmissioni in difesa dell’amico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui