Napoli, rider picchiato e derubato del motorino – VIDEO

Napoli, rider picchiato e derubato del motorino in una zona vicina al centro città. Immagini forti che hanno scatenato il web

(Screenshot video Facebook)

In sei contro uno: lo circondano, lo picchiano e cercano anche di investirlo con lo scooter senza che nessuno riesca o voglia intervenire. Tutto per rubargli il motorino che è anche  fondamentale per il suo lavoro, perché lui fa il rider per le strade di Napoli.

Città semi deserta per il coprifuoco, d’accordo. Ma per fortuna qualcuno è riuscito a riprendere tutta la scena: i malviventi che circondano il rider, lo bloccano e passano subito alle vie di fatto per costringerlo a mollare il mezzo. In un primo momento lui sembra riuscire a divincolarsi per scappare, ma la superiorità numerica degli altri e il peso della sua consegna glie lo impediscono.

Così soccombe, non prima di essere stato picchiato violentemente dagli aggressori che cercano anche di passargli sopra le gambe con uno scooter per farlo mollare. Pugni e schiaffi sul corpo, anche sul casco: alla fine riescono nel loro piano e scappano con il motorino appena rubato

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Luigi Caiafa, 17enne morto durante una rapina: ucciso anche il padre

Aggressione al rider, il video consegnato alle forze dell’ordine e parte la campagna di solidarietà

Il video della violenta aggressione al rider per le vie di Napoli è arrivato al consigliere regionale campano Francesco Emilio Borrelli. E lui,come spesso ha fatto per denunciare ogni forma di sopruso e violenza non solo nel capoluogo campano, lo ha subito condiviso per renderlo pubblico.

(Screenshot video Facebook)

L’aggressione sarebbe avvenuta, come spiega Borrelli, nella serata di oggi a Calata Capodichino. “Lo gireremo alle forze dell’ordine per risalire agli aggressori. Al rider dico di farsi avanti, anche in forma anonima, perché lo vogliamo aiutare”,  ha scritto il consigliere come commento del filmato.

Non semplice in realtà individuare i colpevoli, tutti a volto coperto e alcuni anche con  i caschi in testa, ma quello è un compito che toccherà alle forze dell’ordine. Sui social invece montano indignazione e protesta, da parte di chi ancora una volta non ci sta a vedere che passi questa immagine di Napoli.

E sulla piattaforma GoFundme è già partita una raccolta di fondi per comprare un motorino nuovo al rider derubato . Al momento nel quale chiudiamo l’articolo ha già superato quota 9.000 euro.