Aborto, un’insegnante di Cordoba a iNews24: “Argentina divisa a metà tra favorevoli e contrari”

Virginia Debole, insegnante di italiano a Cordoba, dov'è anche nata, spiega l'attuale situazione in Argentina, dopo l'approvazione della legge sull'aborto.

0

La legge sull’aborto entro la quattordicesima settimana di gravidanza è stata approvata in Argentina. Dopo quello della Camera dei Deputati, è arrivato il parere favorevole anche del Senato, con 38 voti favorevoli, 29 contrari e 1 astenuto. Un evento epocale per il Paese, dove vigeva ancora una norma del 1921 che considerava un delitto l’interruzione della gravidanza con le eccezioni della violenza sessuale e il rischio di vita della madre.

LEGGI ANCHE: Covid, Speranza: “Coprifuoco confermato, palestre e piscine ancora chiuse”

Il risultato è arrivato dopo una lunga battaglia che ha diviso l’Argentina in due parti, tra favorevoli e contrari. Abbiamo intervistato Virginia Debole, insegnante di italiano a Cordoba, dov’è anche nata. È cresciuta a Legnano, in provincia di Milano, e prima del Covid-19 tornava spesso in Italia.

Manifestazione pro-choice in attesa del risultato del voto il 30 dicembre 2020 a Buenos Aires, in Argentina - Foto Getty Images
Manifestazione pro-choice in attesa del risultato del voto il 30 dicembre 2020 a Buenos Aires, in Argentina – Foto Getty Images

L’approvazione dell’aborto è un evento storico per l’Argentina. Che aria tira a livello sociale?
Gli argentini sono divisi a metà tra favorevoli e sfavorevoli. Chi è contro l’aborto, si chiede perché sia gratuito quando per realizzare una fecondazione in vitro i costi sono sproporzionati e principalmente lottano per il diritto alla vita. Ritengono che non sia necessario arrivare all’aborto, quando esistono molti metodi contraccettivi per evitare una gravidanza. Chi è favorevole invece, ritiene che non si possa obbligare a sentire la maternità. Con l’approvazione della legge si eviteranno tanti aborti clandestini, che potrebbero mettere a rischio la vita delle gestanti. Io faccio parte dei favorevoli alla legge”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Renzi: “Conte non ha capito che non ho niente da perdere”

Legge approvata, ma con l’obiezione di coscienza

L’obiezione di coscienza fa parte della legge. Come funziona?
I medici che non sono a favore dell’aborto possono decidere di non effettuarlo. Ma l’ospedale per cui lavorano, ha l’obbligo di cercare un altro centro con dei medici non obiettori. I medici però, sono in ogni caso obbligati a operare una donna in pericolo di vita”;

LEGGI ANCHE: Regina Elisabetta, arriva la clamorosa decisione: è la prima volta

In molti pensano che il Parlamento si sia dichiarato favorevole per ottenere consensi elettorali
Il kirshnerismo ha perso la credibilità in Argentina, sia per come ha affrontato l’emergenza Covid-19 (la quarantena qui è durata dieci mesi), sia perché non ha mantenuto molte promesse che ha fatto. La maggioranza delle femministe sono kishneriste”;

Manifestazione pro-choice in attesa del risultato del voto il 30 dicembre 2020 a Buenos Aires, in Argentina - Foto Getty Images
Manifestazione pro-choice in attesa del risultato del voto il 30 dicembre 2020 a Buenos Aires, in Argentina – Foto Getty Images

Qual è la posizione della Chiesa in Argentina?
Ieri mattina (mercoledì 30 dicembre ndr.) la Chiesa ha detto che questa legge scaverà ancora di più nella divisione nel nostro Paese. E di avere la totale certezza che il popolo continuerà a scegliere la vita. Come istituzione, continuerà a lavorare sulle vere priorità che chiedono un’attenzione urgente: i bambini che vivono in povertà e l’abbandono scolastico”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui