Iss, indice medio Rt in salita: preoccupazione per 3 regioni

0

Nonostante le rigide restrizioni, l’indice medio Rt aumenta, in particolare per tre regioni italiane per cui l’Iss è particolarmente preoccupato

Iss, tre regioni preoccupano
via Getty Images

Restrizioni molto particolari quelle vigenti in Italia a partire dal 21 dicembre per prevenire l’inevitabile onda di contagi che ci sarebbe potuta essere durante le festività natalizie. Un’alternarsi di zone arancioni e rosse ed una serie di regole da rispettare affinché a gennaio non si debba affrontare una terza pesante ondata come quella di questo autunno.

LEGGI ANCHE > > > Covid, scoppia un focolaio nel Milanese: chiusa una scuola materna

Stanno funzionando? In parte. Purtroppo l’indice medio Rt – quello utilizzato per classificare le regioni per zone gialle, arancioni o rosse – è in continuo aumento. Attualmente la media è di 0,93 con tre regioni sempre sopra l’1: Veneto, Liguria, Calabria che, secondo l’Istituto Superiore di Sanità destano una particolare preoccupazione. Quest’ultime potrebbero addirittura finire in zona rossa già dal 7 gennaio.

Iss, regioni preoccupano: Ricciardi tranquillizza l’Italia

variante covid ricciardi
L’opinione del consigliere del Minsitro della Salute (Getty Images)

Nonostante l’allarme lanciato dall’Iss, Walter Ricciardi, membro del consiglio esecutivo Oms, consigliere del ministro Speranza per il Coronavirus e consulente Coni, ha rassicurato dicendo che tra 6 mesi la metà degli italiani sarà già vaccinata. È un dato piuttosto attendibile considerate le tante persone che sono propense a rinunciare al vaccino perché dichiaratamente novax. È stato già specificato che per raggiungere la cosiddetta immunità di gregge sarà necessario vaccinare almeno il 75% della popolazione.

NON PERDERTI > > > Covid-19, report dei vaccinati in Italia: come seguirlo live

Intanto anche il vicino Stato del Vaticano attende i suoi primi 10mila vaccini previsti per l’inizio della prossima settimana. Un obiettivo molto significativo anche per l’Italia visto lo scambio di abitanti tra i due stati geograficamente l’uno all’interno dell’altro. Insieme alle tante dosi di vaccino in arrivo per l’Italia, sembra essere stata intrapresa la strada giusta verso una luce di speranza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui