Vaccino AstraZeneca, Ema: “Improbabile via libera già a gennaio”

0

Brutte notizie per il vaccino AstraZeneca. Secondo quanto dichiarato dall’Ema, è improbabile il via libera già a gennaio

vaccino astrazeneca
Vaccino AstraZeneca, improbabile il via libera già per il mese di gennaio (Getty Images)

Il vaccino anti Covid è finalmente realtà. Ormai due giorni fa si è tenuto il simbolico Vax Day, durante il quale anche l’Italia ha ricevuto le prime 9750 dosi del farmaco Pfizer. Intanto, anche altre aziende stanno continuando a lavorare al loro candidato per ottenere al più presto il via libera alla commercializzazione.

In questo senso, brutte notizie sono arrivate per il vaccino AstraZeneca/Oxford. Secondo quanto dichiarato dall’Agenzia europea del farmaco, è improbabile che il via libera arrivi già nel mese di gennaio. A sottolinearlo il vice direttore dell’Ema Noel Wathion, che ha dichiarato: “Servono ulteriori dati sulla qualità del farmaco, non hanno ancora fatto domanda“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, Sileri avvisa: “Il vaccino diventerà obbligatorio in un caso” 

Vaccino Pfizer, previsto arrivo in Italia a bordo di 6 aerei

V Day Italia
Intanto, dovrebbe arrivare in nottata il carico da 470mila dosi del farmaco Pfizer (Getty Images)

Mentre il vaccino AstraZeneca/Oxford molto probabilmente non vedrà la luce nel mese di gennaio – come riferito dal vice direttore dell’Ema –, il farmaco di Pfizer sta venendo distribuito proprio in queste ore nei paesi europei. In Italia, a causa delle condizioni meteorologiche avverse, il carico da 470mila dosi è atteso per questa notte. Il piano prevede la consegna a bordo di ben 6 aerei, che atterreranno in altrettanti aeroporti italiani (tra cui Milano e Roma).

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid Italia, i no vax insultano la prima vaccinata: “Vediamo quando muori”

L’intera catena di consegna del vaccino è gestita da una compagnia tedesca, e prevede la distribuzione capillare – effettuata direttamente da Pfizer – presso 203 siti diversi di somministrazione posti nelle varie regioni. Come già più volte specificato, si parte dal personale sanitario e dagli ospiti delle Rsa, per poi passare anche al resto della popolazione con la vaccinazione di massa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui