Calabria, truffa buoni spesa: denunciati possessori di migliaia di euro

0

In Calabria è stata scoperta una truffa legata ai buoni spesa rivolti alle famiglie in ginocchio a causa dalla pandemia da coronavirus.

Carabinieri
Carabinieri (foto: Pixabay)

Nel calabrese è stata sventata una truffa legata ai buoni spesa che sarebbero stati dovuti incassare da famiglie con problemi finanziari legati alla pandemia da coronavirus. Nonostante le difficoltà in cui navigano molti italiani, alcune persone, tra cui anche lavoratori dipendenti, hanno deciso di sottrarre denaro a chi ne aveva disperato bisogno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Calabria, truffa buoni spesa: denunciati possessori di migliaia di euro

Tragedia Torino
Carabinieri (Foto: Facebook)

Le persone che hanno partecipato a questa truffa legata ai buoni spesa. A denunciarli i carabinieri della Compagnia di Catanzaro che, con l’aiuto dei colleghi delle stazioni di Gimigliano, Squillace, Borgia e Tiriolo, hanno concluso l’operazione denominata “Mala Emptio”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Ad essere denunciati in stato di libertà dai carabinieri sono 156 persone, tra cui spuntano fuori anche qualche lavoratore dipendente e un possessore di buoni postali per decine di migliaia di euro.

I militari attraverso l’esame e la verifica di circa 500 domande presentate ai vari Comuni, hanno accertato che i cittadini avrebbero chiesto ai vari Comuni di residenza, attraverso false attestazioni, il bonus alimentare disposto per i nuclei familiari penalizzati dalla crisi determinata dalla pandemia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui