Vaccino Covid, ritardi con le consegne: Spagna e altri 7 paesi attendono

0

Ci sono alcuni ritardi con le consegne delle prime dosi di vaccino anti Covid. Spagna e altri 7 paesi costretti ad attendere

vaccino covid
Vaccino Covid, alcuni paesi costretti ad attendere (Getty Images)

Il vaccino anti Covid è finalmente realtà. Nella giornata di ieri si è tenuto il simbolico Vax Day, durante il quale ai primi medici e operatori sanitari è stato somministrato il farmaco. Si tratta di un passo storico per la lotta al virus, un ulteriore segnale che si è sulla strada giusta per uscirne.

Ci sono però anche diversi ritardi legati alle consegne. Come annunciato dal ministro della Salute spagnolo, infatti, ben otto paesi europei dovranno attendere ancora per ricevere il primo lotto di dosi del farmaco prodotto da Pfizer. Il tutto per un problema logistico avvenuto nello stabilimento in Belgio dell’azienda farmaceutica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa, Trump firma nuovo pacchetto anti-Covid: intervento d’emergenza

Vaccino Covid, Spagna e altri 7 paesi in attesa

vaccino covid
Ad annunciarlo il ministero della Salute spagnolo (Getty Images)

Per la consegna del vaccino anti Covid, alcuni paesi europei saranno costretti ad attendere oltre i termini precedentemente stabiliti. Il tutto a causa di un lieve problema logistico avvenuto nello stabilimento Pfizer in Belgio, che sta causando diversi disguidi. Ad annunciarlo il ministero della Salute spagnolo, che ha spiegato l’accaduto ai propri cittadini con un comunicato stampa.La filiale in Spagna di Pfizer è stata informata ieri sera dallo stabilimento in Belgio. C’è un ritardo nelle spedizioni a otto paesi, compreso il nostrole parole utilizzate: “Pare ci sia stato un problema relativo al processo di carico e spedizione del farmaco“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Vaccino Italia, Speranza promette: “Entro marzo 13 milioni di vaccinati”

Il ministero non ha però specificato quali sono gli altri Sette paesi che dovranno attendere ancora prima di ricevere il vaccino anti Covid. Intanto, è polemica sul sistema delle quote di distribuzione: la Germania è riuscita ad ottenerne 151mila, la Francia il doppio dell’Italia. Da Bruxelles fanno sapere che la consegna avverrà in base alla popolazione: chi ne ha ricevute di più ora, ne riceverà meno più avanti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui