Milano, arrestato nonno 53enne: abusava della nipotina neonata

Arrestato a Milano un nonno di 53 anni per abusi sulla nipotina neonata. Ad accertare il caso ci ha pensato l’indagine della Polizia Postale.

Milano arrestato nonno
L’operazione della Polizia Postale contro il 53enne (Foto: Pixabay)

Dopo un’oculata indagine della Polizia Postale, questa mattina le forze dell’ordine hanno arrestato un Nonno residente in provincia di Milano. L’uomo aveva 53 anni ed è accusato di aver abusato della nipotina neonata. Infatti l’indagine rientra nell’operazione per fermare la pedopornografia a livello Nazionale. Quest anno, infatti, la postale ha intensificato controlli ed interventi per fermare il triste fenomeno presente in Italia.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Covid, Ema conferma efficacia: “Dura un anno come antinfluenzale”

Durante queste indagine per contrastare il fenomeno, i poliziotti della postale si sono imbattuti in un video pubblicato in diretta su una piattaforma gratuita per lo streaming online, in cui l’uomo abusava di una bimba in tenerissima età. Così è iniziata subito l’indagine con l’immediato congelamento del contenuto multimediale e di accertamento dei metadati contenuti in esso. Andiamo quindi ad approfondire l’indagine della polizia.

Milano, arrestato nonno dopo abusi su neonata: l’operazione della Postale

Milano nonno arrestato
L’operazione della Postale nel capoluogo meneghino (Getty Images)

Dopo l’inizio dell’operazione, la Polizia ha iniziato a pedinare il nonno di 53 anni. Così durante l’investigazione, il corpo informatico della polizia si è trovato a raccogliere il maggior numero di dati per confrontare le evidenze in loro possesso. Dopo aver raccolto un numero significativo di dati, la Postale è giunta a confermare la drammatica conclusione: il nonno 53enne abusava della piccola neonata quando la madre era via.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Francia, uccisi tre poliziotti dopo una lite domestica: il killer aveva 48 anni

Dopo aver accertato la responsabilità dell’uomo, la Procura di Milano ha richiesto ed ottenuto dal Gip, l’emissione di un provvedimento di custodia cautelare nei confronti del 53enne. Infatti adesso l’uomo è in carcere in attesa del processo. Durante l’operazione, la Polizia Postale ha rilevato ben 20 video, documentando la commissione degli abusi oltre che decine di migliaia di file pedopornografici, raffiguranti altri minori in tenerissima età.