Iss, 5 regioni a rischio: il Veneto desta particolare preoccupazione

0

Nonostante le restrizioni, la situazione in Italia non è delle migliori e l’Istituto Superiore di Sanità ha stilato una lista di regioni a rischio

Iss, 5 regioni a rischio
Ponte di Rialto, Venezia via Getty Images

Il Consiglio dei Ministri, con l’ausilio del CTS hanno redatto quello che gli è sembrato il miglior decreto legge per contenere il contagio di Covid-19 durante le festività natalizie. In Italia, il Natale è un momento molto particolare, di riunione familiare, festa e gioia: non quest’anno. Le restrizioni hanno reso difficile l’aria di festa, ma non impossibile.

LEGGI ANCHE > > > Covid-19, il nuovo bollettino medico: 14.522 nuovi contagiati e 553 deceduti

Un numero di contagi ancora troppo alto per il Bel Paese che preoccupa. A preoccupare in particolare è la Regione Veneto con i suoi 3.357 contagi nelle ultime 24 ore. Non è tutto: l’Rt della regione – quello che ha anche stabilito finora i colori per i vari territori italiani – è pari ad uno scenario di tipo 2.

Iss, 5 regioni a rischio: la lista

Iss, 5 regioni a rischio
Covid-19, Emilia-Romagna via Getty Images

L’Istituto Superiore di Sanità rinnova l’invito a non giocare col fuoco e far scoppiare un grosso focolaio incontenibile. La Regione Veneto, come tutto il resto d’Italia è chiamata alla massima cautela. Insieme a questa, ci sono altre 4 regioni ad alto rischio che preoccupano: Emilia-Romagna (1.129), Molise (27), Provincia autonoma Trento (157) e Valle d’Aosta (11).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Riapertura scuole, Conte: “Dad al 50% e massima flessibilità”

Nonostante l’arrivo imminente del vaccino, previsto per domenica 27, la situazione continua a preoccupare e le autorità esortano continuamente al rispetto delle regole per evitare situazioni spiacevoli e preoccupanti. Ciò che si vorrebbe evitare è la regressione verso l’area rossa delle regioni d’Italia. Il decreto legge del 18 dicembre, spiega perfettamente quali sono le linee da osservare affinché questo Natale sia dignitoso, ma senza mega feste e mega cenoni che portino all’aumento dei contagi ed un’impennata della curva epidemiologica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui