Germania, Wiler: “Nuova variante Covid potrebbe già essere qui”

0

In Germania, dopo la scoperta della nuova variante Covid in Inghilterra, si è deciso di interrompere i collegamenti con la nazione. 

Getty Images

Anche la Germania ha deciso di interrompere i collegamenti con il Regno Unito dopo la scoperta nella nazione di una nuova variante del coronavirus. Si tratta di un blocco che durerà fino alla data del 6 Gennaio. Oltretutto, il Robert Koch Institute ritiene “altamente probabile” che questa nuova mutazione del virus possa già essere entrata nel paese. Una notizia decisamente poco confortante, in un momento in cui l’allerta sanitaria in Germania è ancora molto alta, con la Merkel che si è ritrovata costretta a doer varare un nuovo lockdown nazionale. Lothwa Wiler, presidente del Robert Koch Institute, ha dichiarato che al momento “non possiamo ancora dare una valutazione definitiva della mutazione del virus, comparsa in Gran Bretagna. Ma una cosa è chiara: più il virus si diffonde, più questo può mutare. Quindi anche questa circostanza è un motivo per ridurre i contatti”.

Leggi anche: Coronavirus, Usa: congresso approva piano di aiuti da 900 miliardi

Coronavirus, Israele verso un terzo lockdown nazionale

Getty Images

E anche Israele sembra in procinto di dover varare nella nazione un terzo lockdown nazionale. Nella giornata di ieri, il premier Benjamin Netanyahu ha infatti convocato un incontro con il suo esecutivo, per valutare la migliore strategia per contenere un virus, che è tornato nuovamente a far esplodere l’emergenza sanitaria nel paese. E l’ipotesi di una nuova chiusura del territorio, sembra al momento quella più probabile.

Leggi anche: Vaccino Pfizer, c’è l’ok dell’Ema: via libera alla distribuzione

Una prima conferma su questo tema è arrivata direttamente dal Ministro della Sanità Israeliano Yuli Edelstein: Probabilmente non c’è altra soluzione oltre questa. Abbiamo perso l’occasione per una stretta ed ora saremo probabilmente costretti a rimediare così. Siamo in una situazione critica e dobbiamo fare qualcosa di importate affinché si eviti un peggioramento del quadro ora che siamo entrati nella terza ondata”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui