Morte Maradona, annuncio choc: “Si tratta di suicidio”

Nuovi inquietanti risvolti in merito alla morte di Diego Armando Maradona arrivano dal suo storico medico, Alfredo Cahe

Maradona operazione

A quasi un mese dalla scomparsa di Diego Armando Maradona, continuano ad emergere nuovi risvolti che non trovano una soluzione. Com’è ben noto, i suoi familiari sono convinti che non sia stato curato bene nei giorni precedenti alla scomparsa, quelli successivi all’operazione al cervello. Ora spuntano le dichiarazioni del suo storico medico personale, Alfredo Cahe, che ha detto la sua.

LEGGI ANCHE—> Calciomercato Milan, arriva l’attaccante a gennaio: agente in sede

Morte Maradona, la rivelazione del suo medico personale

Diego Armando Maradona
Diego Armando Maradona (Via Getty)

Ai media argentini ha raccontato che un giorno, a Cuba, il Pibe de Oro avrebbe tentato il suicidio: “A Cuba, gli autobus pubblici sono chiamati guagua. Tempo fa Diego ne puntò uno con la sua auto cercando di uccidersi. A noi rivelò: ‘Non l’ho visto, me lo sono trovato di fronte’. In quell’occasione è stato salvato per miracolo”.

LEGGI ANCHE—> Serie A, è ufficiale: esonerato l’allenatore. Ecco il comunicato 

L’ipotesi del medico, quindi, è quella che l’ex calciatore si sia lasciato andare stavolta: “Per me la sua morte è stata un suicidio. Diego era stanco di vivere e si è lasciato andare. Non ce la faceva più”. Nonostante ciò, ha ribadito che le persone che gli sono state accanto negli ultimi tempi non si siano prese cura di lui come avrebbero dovuto.

Cahe sostiene che le sostanze psicofarmacologiche che assumeva non erano consone alla sua situazione sanitaria. Inoltre, oltre ai farmaci, el Pibe de Oro avrebbe dovuto godersi pace, riposo e tranquillità.