Covid, allerta in Vaticano: positivo l’elemosiniere del Papa

0

Covid, allerta in Vaticano: positivo l’elemosiniere del Papa. Il cardinale Konrad Krajewski è stato trasferito al Gemelli per una polmonite da coronavirus

Elemosiniere del Papa
Konrad Krajewski positivo al Covid-19 (Foto: Getty)

Il Covid-19 torna a fare paura anche in Vaticano. Due persone che lavorano a stretto contatto con Papa Francesco hanno contratto il virus nelle ultime ore. Nella fattispecie si tratta del cardinale Konrad Krajewski, 57 anni, elemosiniere del Pontefice e principale contatto con i poveri e i bisognosi, e del cardinale Giuseppe Bertello, 78 anni, presidente della Pontificia Commissione e presidente del Governatorato del Vaticano.

L’Adnkronos ha riferito della positività dopo i test effettuati dai due nel centro di Igiene e Sanità di San Pietro. Il cardinale Krajewski presenta dei sintomi relativi ad un’iniziale polmonite ed è stato trasferito all’ospedale Agostino Gemelli, dove rimarrà sotto osservazione per qualche giorno. Il Vaticano ha confermato la notizie e ha aggiunto che entrambi i cardinali erano assenti questa mattina all’udienza di Papa Francesco con la Curia romana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, la bufala dell’infermiera americana morta

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Pfizer, c’è l’ok dell’Ema: via libera alla distribuzione

Covid, allerta in Vaticano: positivo l’elemosiniere del Papa, il cardinale Krajewski

Papa Francesco
Covid, allerta in Vaticano: positivo l’elemosiniere del Papa (Foto: Getty)

L’autorità sanitaria vaticana sta prendendo contatti con i dipendenti che hanno incontrato negli ultimi giorni i due cardinali. Lo scopo è quello di tracciare i loro movimenti e prevenire la nascita di un focolaio. Entrambi lavorano a stretto contatto con Papa Francesco e il cardinale Krajewski è stato a lungo con lui proprio venerdì scorso, in un colloquio.

Il dottor Andrea Arcangeli, capo dell’Ufficio Igiene e Salute del vaticano, ha annunciato la scorsa settimana che il Vaticano ha in programma di vaccinare i suoi dipendenti e i cittadini della città-stato. Il tutto dovrebbe iniziare a metà gennaio, non appena la cura sarà disponibile.

Il cardinale Luis Antonio Tagle è stato il primo capo di un ufficio vaticano a risultare positivo al Covid, al momento del suo arrivo a Manila. Nelle scorse settimane anche 14 guardie svizzere avevano contratto il virus, superando poi senza conseguenze la malattia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui