Antonio Metastasio, psichiatra a Londra a iNews24: “In UK la situazione va peggiorando”

“Questo nuovo ceppo non ci voleva. All'inizio ero più ottimista”: si esprime così ai microfoni di Inews24, mentre ci racconta dell'attuale situazione in UK.

0

Antonio Metastasio è uno psichiatra che non sa ancora se nelle sue vene circoli il vaccino anti-covid o un placebo ed è in attesa di saperlo. Si è sottoposto alla sperimentazione in “doppio cieco” del vaccino Astrazeneca, sviluppato con i fondi Ue da Jenner Institute e l’Università di Oxford, in collaborazione con l’italiana Irbm. Lavora all’Highgate Mental Health Centre, l’azienda ospedaliera di Camden and Islington NHS Foundation Trust che afferisce alla UCL University College London. Risiede a Cambridge da quindici anni e ha cittadinanza italiana e britannica. “Questo nuovo ceppo non ci voleva. All’inizio ero più ottimista”: si esprime così ai microfoni di Inews24, mentre ci racconta dell’attuale situazione in UK.

LEGGI ANCHE: Covid, allerta in Vaticano: positivo l’elemosiniere del Papa

Covid-19: ricoveri in UK dal 27% al 55%

Adesso a preoccupare è questa nuova variante di Covid-19

In una settimana a Londra e nel Sud dell’Inghilterra, si è passati da un 27% di ricoveri totali al 55%. Oltre la metà dei casi sono dovuti a questo nuovo ceppo di Covid. Nell’ospedale psichiatrico in cui lavoro, finora c’era stato un solo reparto Covid dove venivano isolati i pazienti. Adesso, siccome ci si aspetta numeri molto alti, ogni reparto avrà un’area di isolamento dedicata ai pazienti. I numeri sono raddoppiati. Siamo agli stessi dei pazienti ospedalizzati di marzo, ma questa volta le terapie sono più efficaci. Nonostante ciò, i reparti sono pieni. Questa nuova variante di Covid non ci voleva, prima ero più ottimista”;

Il primo ministro britannico Boris Johnson posa per una fotografia con una fiala del vaccino candidato COVID-19 di AstraZeneca / Oxford University - Getty Images
Il primo ministro britannico Boris Johnson posa per una fotografia con una fiala del vaccino candidato COVID-19 di AstraZeneca / Oxford University – Getty Images

Che aria tira in UK?

Tutti i negozi non essenziali sono chiusi e durante le feste non sarà possibile incontrare i parenti non conviventi. I viaggi non sono possibili. Prima del Covid, tornavo in Italia una volta al mese. Sono rientrato in Uk a settembre e speravo di ripartire tra gennaio e febbraio, ma temo che non si potrà. Fino a che questo nuovo ceppo non verrà messo sotto controllo, per mesi non potremo spostarci. Ci si aspetta che queste misure resteranno fino a marzo – aprile. La preoccupazione è molta e la normalità non tornerà presto, anche con il vaccino. Per avere vantaggi a livello globale, dovrà essere vaccinata il 50 – 60% della popolazione. Se ci sono delle sacche dove il virus rimane, si diffonde”;

L’attuale vaccino risponderà bene al nuovo ceppo di Covid-19?

Visto che molte persone saranno presto vaccinate, potrebbe diffondersi in maniera più lieve?

Una delle paure, che però non sembra essere il caso di questo virus, è che il vaccino non risponderà bene a questo altro ceppo e bisognerà trovare un nuovo vaccino”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Decreto Natale: il governo risponde a tutte le Faq

Può fare un parallelo tra il sistema sanitario italiano e quello del Regno Unito?

Sono uguali. Nella prima fase il sistema si è saturato rapidamente a scapito di altre patologie. Adesso gli ospedali sono pieni. Non si vede una via d’uscita. Mentre prima c’era uno spirito di comunità e supporto, adesso siamo tutti stanchi”;

Antonio Metastasio, psichiatra, si è sottoposto alla sperimentazione Astrazeneca

Ci racconta della sperimentazione di Astrazeneca?

La sperimentazione è in doppio cieco. Ho fatto due iniezioni, però non so ancora se ho fatto il vaccino o il placebo”

Vaccino Astrazeneca - Getty Images
Vaccino Astrazeneca – Getty Images

Presto verrà chiamato per sottoporsi al vaccino. Fino ad allora continuerà a non saperlo?

Per restare nella sperimentazione, non posso sapere se sono stato o meno sottoposto al vaccino. In quanto medico però, dovrò fare quello cui siamo chiamati tutti noi del personale ospedaliero. Solo allora chiamerò gli organizzatori della sperimentazione e loro mi diranno se sono stato già vaccinato o no. Lo scopo è non influenzare i dati”;

Finora ha avuto mai effetti collaterali?

Non ne ho avuti, in nessuna fase. Questa è la mia esperienza personale, ma che io sappia in generale pare che il vaccino di Astrazeneca sia ben tollerato e dovrebbe essere approvato nei prossimi giorni. Quello Pfizer, che è stato già approvato, sempre che io sappia, funziona”;

LEGGI ANCHE: Covid-19, il bollettino del 21 dicembre: 10.872 contagiati e 415 morti

Quello di Pfizer è stato sconsigliato alle persone allergiche

Anche il vaccino influenzale viene sconsigliato alle persone allergiche. Considerando i numeri su cui è stata fatta la sperimentazione, si tratta di un fenomeno raro”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui