Vaccino Covid, in Usa iniezioni Moderna al via: si parte già domani

0

Altro grande passo per la lotta al Covid. Da domani, in Usa verranno iniettate le prime dosi del vaccino di Moderna 

Covid vaccino
Vaccino Covid, parte la distribuzione di Moderna: da domani le prime iniezioni ai cittadini (Foto: Getty)

L’emergenza Covid continua a preoccupare tutti. La recente notizia della rilevazione di una nuova variante del virus sta allarmando, e sono già pronte le prime manovre per cercare di isolare il tutto. Intanto, continuano le tappe verso la vaccinazione dei cittadini. Il candidato Pfizer è già da qualche giorno disponibile in alcuni paesi, e presto dovrebbe arrivare anche in Italia.

Negli Usa, da domani lunedì 21 dicembre anche il vaccino Moderna entrerà ufficialmente sul mercato con le prime iniezioni. Lo ha annunciato il responsabile di Operation Wars Speed Mancoef Slaoui, nel corso di un’intervista rilasciata alla Cnn. Il processo di distribuzione – già approvato dalla FDA – è in corso in queste ore. Già entro la settimana, verranno rilasciate poco meno di 6 milioni di dosi, alle quali vanno aggiunte le 2 di Pfizer.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Variante Covid, Speranza: “C’è rischio che arrivi in Italia”

Vaccino Covid, Oxford: “Non preoccupa la variante”

Vaccino Covid
Da domani si parte con le prime iniezioni negli Usa (Foto: Getty)

Uno dei temi di discussione relativo al vaccino anti Covid è la sua efficacia contro la nuova variante scoperta in Gran Bretagna. A tal proposito, è intervenuto all’Ansa Giacomo Gorini, ricercatore dell’università di Oxford che sta lavorando da tempo con AstraZeneca allo sviluppo del farmaco. “La presenza di alcune mutazioni genetiche sono avvenute in zone delimitate della proteina Spikeha spiegato: “Questo non ci fa sentire troppo preoccupati per ciò che concerne l’efficacia del farmaco in arrivo“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, Oms: “Scoperta variante del virus in Inghilterra”

Gli anticorpi indotti dal vaccino saranno comunque in grado di legarsi alla stragrande maggioranza della superficie della proteina Spike, che è rimasta inviariata” ha precisato l’esperto Giacomo Gorini ai microfoni dell’Ansa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui