Caso Epstein, uno dei suoi collaboratori accusato di stupro in Francia

0

Caso Epstein, l’agente e collaboratore del miliardario americano, accusato di stupro su minori in Francia dopo la denuncia di alcune donne. 

Getty Images

Era uno dei collaboratori più stretti di Jeffrey Epstein, il celebre miliardario americano finito in carcere con l’accusa di stupro e morto suicida poco tempo dopo. E adesso anche il suo agente Jean-Luc Brunel è finito in carcere in Francia accusato di stupri e molestie nei confronti di minori. L’uomo è stato arrestato dalle forze dell’ordine francesi nella giornata di mercoledì mentre si trovava all’aeroporto di Parigi Charles De Gaulle, in procinto di prendere un volo verso il Senegal. L’indagine è nata in seguito alla denuncia di alcune donne francesi. 

Leggi anche: Milano, uomo ucciso in strada: forse una rapina andata male

Tiziana Cantone, nuova inchiesta della Procura

Twitter

Diciannove anomalie riscontrate nel suo iPhone e nell’iPad.

A scoprirle sono stati gli esperti dello studio Legale Emme Team, che da anni si occupano di Revenge Porn. E sulla base di queste nuove prove, la Procura ha deciso di aprire un’inchiesta sulla morte di Tiziana Cantone, una donna di 31 anni che aveva deciso di suicidarsi dopo essere stata vittima di una campagna di revenge porn da parte di un suo compagno che diffuse in rete dei loro video hot. Adesso, inizieranno dunque delle nuove indagini, anche perché le novità emerse non sono certo trascurabili. La cronologia della donna risulta completamente cancellata, così i contatti in rubrica. Usava quel cellulare da anni, per cui non sarà così semplice trovare una spiegazione a questo.

Leggi anche: Tiziana Cantone, la madre a iNews24: “Sulla morte di mia figlia ancora tanti misteri”

E d’altronde è la Procura stessa a sostenerlo, affermando che “dal controllo dei Logi, quando l’iPad era in possesso e in uso a Tiziana Cantone, è possibile notare come questa ne fece uso durante il giorno della morte, includendo le 4 pagine web riscontrate. Pertanto, questa anomalia va a confermare che la non presenza di cronologia Internet, l’assenza di messaggi, di utenti registrati in rubrica o attività delle applicazioni caricate nel dispositivo, è per definizione una cancellazione volontaria dei dati”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui