Nuovo Decreto Legge Natale, parla Conte: “Zona rossa dal 24”

0

Nuovo Decreto Legge Natale, parla il premier Conte: l’Italia per 10 giorni a cavallo delle feste vivrà un nuovo lockdown, ecco cosa cambia

Sarà un lockdown breve ma molto intenso. Forse inevitabile, è arrivata la decisomne del governo, giustificata così dal premier Giuseppe Conte. “Quando siamo partiti con questol metodo a zone per l’Italia eravamo con un indice Rt a 1,87 e adesso è calato nettamente. C’è forte preoccupazione che la curva dei contagi possa subire una nuova impennata. Il Cts ha esprezsso forte preoccupazione per i possibili assembramenti e quindi dobbiamo intervenire per rafforzare le misure necessarie in vista delle prossime feste e della ripresa a gennaio”.

Quindi zona rossa dal 24 dicembre al 6 gennaio comn questa suddivisione temporale. I giorni festivi e prefestivi (cioè 24, 25, 26, 27, 31 dicembre 2020 e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021) saramnno tutti rossi. Gli altri (28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021) invece arancioni.

In concreto significa che i locali pubblici come ristoranti e bar dovranno chiudere di nuovi. Ma questa volta il governo spende subito parole importanti: “In seguirto ala nostra sollecitazione – spiega la ministra Bellanova – è stata accolta la proposta di stanziare subito ristori per i bar e ristoranti che devono chiudere per effetto delle nuove misure del governo”. Un fondo pari a 645 milioni come ha confermato il premier, disponibili subito.

(Screenshot Rai 1)

Parole confermate anche dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, con un tweet:
“La tutela della Salute resta la priorità del governo. Per questo il Cdm vara nuove regole più restrittive per contenere i contagi durante le feste. Daremo pieno sostegno agli esercizi commerciali che subiranno danni economici”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nuovo DPCM, spunta la bozza: Italia rossa e arancione in alternanza

Alla fine quindi ha prevalso la linea dura, quella della serrata che molti sperano sia anche l’ultima in attesa delle vaccinazioni di massa. Dieci giorni di lockdown totale e altri 4 saranno di chiusure parziali ma non solo. Ci sono finalmente regole precise anche sui pranzi e i cenoni tra Natale e Capodanno.

In casa potranno essere invitate due persone, esclusi gli under 14. E sarà possibile fare visita a parenti e amici anche nei giorni rossi perché nel testo non è precisato lo stretto stato di parentela per permettere le visite. Ma il limite massimo di due persone in movimento (esclusi i miniori) resta tassativo.

Lo spostamento verso le abitazioni private potrà avvenire una sola volta al giorno, tra le 5 e le 2 (dopo scatta il coprifuoco), e solo nella stessa regione. Per chi sgarra, sanzioni che partono da un minimo di 400 euro e arrivano fino a 1.000 euro.

Il 28, 29 e 30 dicembre oltre che il 4 gennaio tutta l’Italia sarà zona arancione. Rimarranno quindi aperti i negozi e sarà consentito lo spostamento all’interno del proprio comune di residenza. Permessi anche gli spostamenti dai paesi con una popolazione non superiore a 5mila abitanti fino ad una distanza massima di 30 chilometri, ma non verso i capoluighi di provincia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui