Covid, Rezza lancia l’allarme: “L’indice Rt non scende più”

0

Covid, Rezza lancia l’allarme: “L’indice Rt non scende più”. Il direttore della prevenzione del Ministero della Salute ha sottolineato la tendenza e ha richiamato alla massima attenzione

Rezza
direttore della prevenzione del Ministero della Salute (Foto: Facebook)

Le misure adottate dal Governo all’inizio di dicembre hanno permesso di abbassare il numero di contagi e di limitare il picco della seconda ondata. Come avvenuto la scorsa primavera, attraverso chiusure e restrizioni si riesce a far regredire il virus sotto il livello di soglia. Il problema è che non sempre gli effetti sono quelli sperati. Il famoso indice Rt, ad esempio, non sta scendendo come previsto, così come il numero di morti, ancora troppo elevato. A sottolinearlo è stato anche il direttore della prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza. Intervenendo al Forum Risk Management di Arezzo, ha ribadito come: “C’è una tendenza a un’inversione in atto, l’Rt tende a non scendere più“.

Questo inevitabilmente deve portare ad un cambiamento. “Dobbiamo avere atteggiamenti previdenti per evitare che l’epidemia riparta durante la campagna vaccinale: questo è un rischio da scongiurare”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Scuola, Miozzo (Cts) dubbioso: “Riapertura a rischio se curva risale”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Viaggi verso il Sud per Natale, aumentano i controlli contro l’esodo

Covid, Gianni Rezza lancia l’allarme: “Dobbiamo evitare che l’epidemia riparta durante la campagna vaccinale”

Gianni Rezza
Covid, Rezza lancia l’allarme: “L’indice Rt non scende più” (Foto: Facebook)

Rezza ha richiamato alla massima prudenza in vista dell’inizio del prossimo anno. Poi sulla campagna vaccinale ha aggiunto: “Per ora non è previsto l’inserimento dei bambini nella campagna vaccinale. E questo per diversi motivi: sono meno suscettibili al coronavirus e più raramente sviluppano sintomi significativi. In più non sono stati identificati come popolazione che sostiene la trasmissione dell’infezione nella comunità”.

Per quanto riguarda invece le riaperture delle attività commerciali, il direttore della prevenzione del ministero della Salute, resta cauto.

Dobbiamo adottare la politica dei piccoli passi e procedere con una ripartenza economica mirata e limitata alle zone con minor indice di rischio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui