Salvatore Borsellino sul brand Labellamafia a iNews24: “Mafia ridotta a qualcosa di folkloristico”

Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo Borsellino, dice la sua sulla polemica nata nelle ultime ore su Labellamafia, brand brasiliano di abbigliamento sportivo.

0

Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo Borsellino, ucciso da Cosa Nostra nel 1992, dice la sua sulla polemica nata nelle ultime ore su Labellamafia. Si tratta di un brand brasiliano di abbigliamento sportivo con un e-commerce e un profilo Instagram che conta 817mila follower. L’aver utilizzato il nome della mafia per scopi commerciali ha scatenato l’indignazione di Antonio Ferrante, presidente della direzione regionale del Pd Sicilia e anche Valter Mazzetti, segretario Generale della Federazione Sindacale della polizia di Stato (Fsp).

LEGGI ANCHE: Covid-19, il nuovo bollettino: 12030 contagiati e 491 deceduti

Un caso simile alla pizzeria “Falcone e Borsellino” di Francoforte. Maria Falcone, sorella del magistrato, si era rivolta alla giustizia contro il nome del locale. La Corte della città tedesca però, aveva respinto l’istanza. I proprietari della pizzeria hanno rinunciato al nome in seguito alle critiche ricevute.

Salvatore Borsellino, fratello minore di Paolo Borsellino
Salvatore Borsellino, fratello minore di Paolo Borsellino – Foto Facebook

Cosa pensa di un brand che porta il nome Labellamafia?
“Quelle come questa sono sicuramente cose da condannare. Mi amareggiano a tal punto che cerco di non starci dietro perché purtroppo avvengono e continueranno ad avvenire. Come il caso della pizzeria tedesca: il tribunale (di Francoforte ndr.) si è rifiutato di tutelare la memoria di Falcone e Borsellino perché i loro nomi non sarebbero noti all’esterno dell’Italia”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Covid, Toti: “Lockdown a Natale? È una proposta surreale”

Non crede però, che ci sia una sottocultura di fondo che va contrastata?
Questa sottocultura viene favorita anche dai mezzi di informazione o da prodotti come ad esempio Il Padrino che hanno avuto tutto quel successo. Purtroppo la mafia viene vista come qualcosa di folkloristico, invece di dare messaggi diversi. Se succede in televisione, come possono non nascere iniziative come questa? Vada a guardare sui social quanti seguaci ha il figlio di Totò Riina…”;

LEGGI ANCHE: Lockdown a Natale, Cts: “Servono misure più rigide”

Anche questo brand conta 817mila follower
Certo, il nome della mafia tira e loro lo utilizzano. Viviamo in un Paese in cui nessun governo si è mai impegnato veramente nella lotta alla mafia. Mi dica un governo che negli ultimi cinquant’anni ha affrontato la lotta alla criminalità. Eppure non è un problema solo dell’Italia, ma del mondo intero”;

Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
Giovanni Falcone e Paolo Borsellino – Facebook

Cosa, secondo lei, non hanno fatto i governi che si sono succeduti, per sconfiggere definitivamente le mafie?
Non hanno fatto assolutamente nulla. La mafia viene combattuta veramente dalla magistratura e dalle forze dell’ordine. A parole sono tutti bravi, anche nelle commemorazioni. Ma non è mai stato messo al primo posto tra gli impegni, un provvedimento serio dal punto di vista della finanza, del conflitto di interessi, della criminalità nelle istituzioni o degli appalti. Non c’è mai stata un’iniziativa veramente seria”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Cuperlo (Dir.Naz. PD) a iNews24: “Un’altra maggioranza è ipotesi spericolata”

C’è la parte sana della società, che denuncia i soprusi e contribuisce, nel suo piccolo, al lavoro di forze dell’ordine e magistratura, per amore della propria terra, la Sicilia, ma anche del resto d’Italia. Sono cittadini, imprenditori, associazioni…
Sa che fine fanno i testimoni di giustizia in Italia? Hanno la vita rovinata, perché vengono protetti dallo Stato solo a parole. Chi ha denunciato le mafie ha avuto le attività (imprenditoriali ndr.) distrutte. Lo Stato potrebbe fare qualcosa per loro e invece in questo Paese non si distingue nemmeno tra i testimoni e i collaboratori di giustizia. I secondi sono mafiosi che collaborano per avere sconti di pena e in alcuni casi si pentono. I primi invece, sono persone perbene che decidono di aiutare le forze dell’ordine e invece vengono lasciati soli. Perdono la clientela e non vengono tutelati a sufficienza dallo Stato”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui