Reggio Calabria, elezioni amministrative: due arresti per irregolarità

0

Reggio Calabria, nel corso di un’inchiesta sulle elezioni amministrative due persone sono state arrestate con l’accusa di brogli elettorali. 

Getty Images

La Digos, nel corso di un’inchiesta riguardante la regolarità delle elezioni amministrative che si sono tenute in Calabria tra il 20 e il 21 Settembre, ha arrestato due persone. Le elezioni hanno poi prodotto un ballottaggio, che si è tenuto nella data del 5 Ottobre, tra il candidato del centrosinistra Giuseppe Falcomata, che vincerà in seguito le elezioni ottenendo la riconferma del suo mandato, e Antonino Minicuci, il candidato sindaco espresso dalla Lega ma che rappresentava l’intera coalizione di centrodestra, che ha raggiunto nella seconda tornata il 41 per cento delle preferenze. L’inchiesta sulle elezioni è stata diretta e coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri e per le due persone arrestate le accuse sono quelle di falso in atto pubblico e reati elettorali. 

Leggi anche: Alberto Clementi trovato morto in bagno: malore per il body builder

Imola, drogava e violentava le amiche della figlia: arrestato

Pixabay

Una storia semplicemente terrificante quella accaduta ad Imola.

Un uomo è stato infatti condannato a sei anni e quattro mesi di reclusione con l’accusa di aver più volte drogato e violentato le amiche della figlia di 12 anni, durante dei pigiami party che si svolgevano nella sua abitazione. Da quanto si apprende, le vittime sarebbero almeno sette e tutte tra un’età compresa dai 12 ai 13 anni. Adesso inoltre, l’uomo dovrà risarcire, oltre alle spese processuali, una somma di circa ventimila euro per vittima.

Leggi anche: Torino, perseguitava coppia per vendetta: arrestato

Le indagini hanno ricostruito la dinamica delle violenze perpetuate. Il padre della 12enne inizia costringendo le sua amiche a fare un “brindisi dell’amicizia” a base di psicofarmaci per poi abusarne sessualmente appena questi facevano effetto e le ragazze iniziavano a sentirsi stordite.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui