New York, auto contro manifestanti “Black Live Matters”: diversi feriti

0

New York, auto contro manifestanti “Black Live Matters”: diversi feriti. Due donne, madre e figlia, sono state arrestate dalla polizia

Black Lives Matter
New York, auto contro manifestanti “Black Live Matters”: diversi feriti (Foto: Getty)

Una macchina ha investito un gruppo di circa 50 persone durante una protesta che si è riversata nelle strade di Manhattan venerdì pomeriggio. Diversi dei manifestanti del movimento “Black Lives Matter” sono rimasti feriti, secondo quanto riportato dalla polizia di New York e dai media locali.

La donna di 52 anni al volante di una berlina BMW e la figlia di 29 in auto con lei, sono state arrestate e sottoposte ad interrogatorio dalle forze dell’ordine americane.

L’incidente è avvenuto subito dopo le 4 del pomeriggio (ora locale) all’angolo tra la 39th Street e la Third Avenue nel quartiere di Murray Hill adiacente a Midtown Manhattan.

Nessuna delle persone ferite è in pericolo di vita, secondo quanto riferito dalla polizia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa, la Fda approva vaccino Pfizer: “Prime somministrazioni entro 24 ore”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Iran, giustiziato Ruhollah Zam: era l’ex leader dell’opposizione

New York, auto contro manifestanti “Black Live Matters”: diversi feriti

Auto investe manifestanti
New York, auto contro manifestanti “Black Live Matters”: diversi feriti (Foto: Getty)

In base a quanto si apprende da fonti locali, in totale sarebbero sei le persone del gruppo di manifestanti “Black Lives Matter” ad essere state investite. Non è chiaro se tutte siano state trasportate in ospedale per trattamenti.

Alcuni account sui social media hanno descritto una scena caotica che ha coinvolto l’auto e le persone presenti in strada. Il veicolo ha centrato la folla ferma per protestare, facendo cadere sei persone a alcune biciclette.

La manifestazione è stata organizzata come forma di solidarietà nei confronti di nove immigrati privi di documenti che hanno organizzato uno sciopero della fame in un carcere del New Jersey. Sono tutti sotto la custodia dell’agenzia statunitense per l’immigrazione e la dogana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui