Esonero Conte, cambia tutto in casa Inter: la situazione

0

Esonero Conte, cambia tutto in casa Inter: la situazione è in continuo divenire ad Appiano Gentile. Zang riflette sul futuro del proprio allenatore

Antonio Conte
Esonero Conte, cambia tutto in casa Inter: la situazione (Foto: Getty)

Il pareggio contro lo Shakhtar Donetsk ha segnato la definitiva eliminazione dell’Inter dalla Champions League. Il doppio zero a zero contro gli ucraini, sia all’andata che al ritorno, unito alle due sconfitte contro il Real, hanno relegato i nerazzurri all’ultimo post del Gruppo B. Uno smacco totale che impedirà agli uomini di Conte di partecipare anche all’Europa League, sfiorata l’anno scorso nella finale persa con il Siviglia. Una debacle che di certo non è piaciuta alla società, con Zang e Marotta che già avevano avuto dei problemi nei rapporti con il tecnico salentino negli ultimi mesi.

Il pesante contratto da 12 milioni di euro netti e la cospicua campagna rafforzamenti completata la scorsa estate, lasciava prevedere una stagione da grandi ambizioni. L’obiettivo minimo in Europa era quello di arrivare agli Ottavi di Champions League, per poi giocarsela negli scontri diretti. Per il secondo anno consecutivo, invece, è arrivata un’eliminazione al primo turno. Il Real Madrid ha fatto il suo battendo 2-0 il Monchengladbach, allontanando ogni rischio di biscotto. All’Inter bastava vincere con lo Shakhtar e invece non si è andati oltre il pari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Allegri verso il ritorno in panchina: c’è l’offerta ufficiale

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juve, colpo di scena per Cristiano Ronaldo

Esonero Conte, cambia tutto in casa Inter: Marotta e Zang pensano già al futuro

Antonio Conte
Esonero Conte, cambia tutto in casa Inter: Marotta e Zang pensano già al futuro (Foto: Getty)

Ora ad Antonio Conte per salvare la panchina resta solo il campionato. Dopo un avvio complicato anche in Serie A, le ultime tre vittorie consecutive con Torino, Sassuolo e Bologna, hanno riportato i nerazzurri nelle prime posizioni della classifica. Dopo le richieste sul mercato e i pieni poteri nella gestione del gruppo, Conte ha le spalle al muro. O vince lo scudetto quest’anno oppure verrà mandato via. Dal punto di vista economico l’Inter deve corrispondere al tecnico leccese 12 milioni di euro l’anno fino al 2022. A giugno, però, scadrà l’accordo con Luciano Spalletti, liberando Zang da circa 9 milioni di euro lordi di emolumenti. Un risparmio che potrebbe consentire un maggior margine di manovra e rendere possibile anche un esonero così oneroso.

Al di là dei risultati è anche il carattere di Conte a non convincere più Marotta e la società nerazzurra. Troppo spigoloso e difficile da gestire, non sta portando i risultati sperati. Nei piani del direttore generale ci sarebbe un nuovo approccio con Massimiliano Allegri, già sondato la scorsa estate quando il divorzio sembrava ormai scontato. Le prossime settimane di campionato potrebbero diventare decisive.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui